Home / Cultura / Cultura Popolare / Aneddoto Almosaviano: La Case di lu Cuane – La Casa del Cane

Aneddoto Almosaviano: La Case di lu Cuane – La Casa del Cane

Aneddoto[1] Almosaviano di Benedetto di Sciullo[2] e Giovanni Mariano[3]

.

Nu cuane senza patrone e senza case ive sempre girenne pi li campagne vicine a nu paese.
Un cane senza padrone e senza casa girava sempre per le campagne vicine ad un paese.

Iavesse piaciute d’avèrece na casa sé picchè, specialmente lu vierne, zi murive di fridde e nin sapeve addò ireze a riparà. Quanne faceve lu fridde e ningheve, lu cuane zi ive annascunnenne a na vie e n’antre e pruvave pure a ficchièreze dentre a la case di cocchedune, ma l’onne cacciave.
Gli sarebbe piaciuto avere una casa sua perché, soprattutto l’inverno, moriva di freddo e non sapeva dove andare a ripararsi. Quando faceva freddo e nevicava il cane andava nascondendosi da una parte e dall’altra e provava pure ad intrufolarsi dentro casa di qualcuno, ma lo scacciavano.

Ogni volte c’arrivieve lu vierne e zi murive di fridde diceve:
Ogni volta che arrivava l’inverno e moriva di freddo diceva:

– Quanna vò minì la state ca mi vuoglie fa’ na case?! –
– Speriamo che arrivi presto l’estate ché voglio farmi una casa?! –

E cuminzave a pinzà gnà la vuleve: vicine a lu paese accuscì i era chiù facile truvà coccose pi magnè, nchi l’acca a purtate di musse, vicine a nu bosche accuscì la state nin sintive calle e tant’altre belle cose.
E cominciava a pensare come la voleva: vicino al paese così gli era più facile trovare qualcosa da mangiare, con l’acqua a portata di muso, a breve distanza da un bosco così l’estate non avrebbe sentito tanto caldo e tante altre belle cose.

Come arrivieve la bella stagione cuminzave a i truvenne, ma mò ncuntrave nuantre cuane e ive girenne nchi isse, mò zi mitteve a scappà appriesse a li ghiette, mo z’aripusave sotte a lu flische e nin cumbinieve mai niente.
Come giungeva la bella stagione cominciava a cercare, ma ora incontrava un altro cane e gironzolava con lui, ora si metteva a correre dietro ai gatti, ora riposava all’ombra e non combinava mai nulla.

N’anne però lu vierne era state pegge di lu solite e lu cuane zi stave pi murì di fridde e di fame e nu juorre, mentre stave rintanate sotte a nu cantone ‘n campagn,e aridicette chiù di na volte:
Un anno però, l’inverno era stato peggiore del solito ed il cane stava per morire di freddo e di fame e un giorno, mentre se ne stava rintanato sotto un masso in campagna, disse più di una volta:

– Quanna vò minì la state ca mi vuoglie fa’ na case?! –
– Speriamo che arrivi presto l’estate ché mi voglio fare una casa?!

Minette finalmente la bella stagione e lu cuane, come a lu solite, cuminzette a i girenne pi truvà la case, ma mò nin i piaceve lu puoste, mò zi sintive calle, mò nin i piaceve li piante chi ci crisceve vicine, facette passà nu suacche di tiempe fine a metà di la state senza cunclute niente.
Venne finalmente la bella stagione ed il cane, come al solito, cominciò ad andare in giro per cercare casa, ma ora non gli piaceva il posto, ora sentiva caldo, ora non gli piacevano le piante che ci crescevano vicino, fece passare un sacco di tempo fino a giungere a metà dell’estate senza concludere nulla.

Nu juorre chi aveve truvate da magniè e z’era fatte pure na cinicarelle, mentre stave allunguate sotte a na piante vicine a nu vallone, pinzette ca forse culle ere lu puoste bbuone pi la casa sé: ci stave pure l’acche. Doppe alette, zi mittette còmmete e dicette:
Un giorno che aveva trovato da mangiare ed aveva fatto anche un sonnellino, mentre era disteso sotto una pianta vicino ad un ruscello, pensò che forse quello era il posto adatto per la sua casa: c’era anche l’acqua. Poi sbadigliò, si mise comodo e disse:

– L’acche, l’acche, l’acche: chi vò la case ocche zi la facce! –
– L’acqua, l’acqua, l’acqua, chi vuole la casa che se la faccia! –

 *****

La frase “L’acche, l’acche, l’acche: chi vò la case ocche zi la facce” viene di solito citata da chi, consapevole di non stare concludendo nulla di ciò che si è proposto, preferisce crogiolarsi nell’ozio e rimandare tutti i problemi ad un altro momento.

________________________________


[1] Aneddoto = Notizia storica marginale, poco nota ma caratteristica, relativa per lo più a un personaggio o evento importante. O, anche, raccontino breve e arguto, relativo a personaggi o fatti reali o tipico, significativo di un certo ambiente. In senso più ampio, fatto particolare e curioso della vita privata di qualcuno
[2] Benedetto Di Sciullo, Abruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti.
[3] Giovanni Mariano, Abruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, la aria, i profumi dell’Alto Vastese.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.