Home / Cultura / Cultura Popolare / Aneddoto: Ma Bbona Vacca Mé – È più la spesa che l’impresa

Aneddoto: Ma Bbona Vacca Mé – È più la spesa che l’impresa

di Benedetto di Sciullo e Giovanni Mariano  [1]

povertà

N’ome chi tineve nu piezze di terre n’cumpine nchi nu parente, nu iuorre, passenne vicine a la terra sé, vidette ca lu cumpare, mentre arave, iera spustate lu tèrvene e z’era pigliete nu piezze di lu tritorie siè.
Un uomo che possedeva un pezzo di terra che confinava con quello di un parente, un giorno, passando vicino al suo terreno, vide che costui, mentre arava, aveva spostato il termine e si era impossessato di un pezzo della sua proprietà.

Subbite iette da lu cumpare a diceje ca lu tèrvene nì stave chiù a lu puoste siè.
Subito andò dal parente a dirgli che il termine non era più al suo posto.

– Cumpà, uarde ca i nsò tuccate niente: si tu chi ti stiè sbaglienne! –   Iarispunnette lu cumpare.
– Compare, guarda che io non ho toccato nulla: sei tu che stai sbagliando! – Gli rispose costui.

Cumpà, ma nin t’aricuorde ca lu tèrvine lu seme misse nziembre e ca lu lemmete ere a file di culle cantone? Si mi dice accuscì mi vuò pigliè pi fesse e i nin mi ci vuoglie fa pigliè. –
– Compare, ma non ricordi che il termine l’abbiamo posto insieme e che il limite era a filo di quel masso? Se mi dici così, mi vuoi prendere in giro ed io non mi ci voglio far prendere. –

– I nin m’aricorde niente, sacce sole ca nin so tuccuate né lu lemmete, né lu tèrvine e si tu la pienze acuscì, allore mi vuò uffenne e i ti manne li uardie a la case. –
– Io non ricordo nulla, so soltanto che non ho toccato né il limite, né il termine e se tu la pensi così, allora mi vuoi offendere e io ti mando le guardie a casa. –

– Allore prime chi tu mi mienne li uardie a me, i ti facce chiamà da lu pritore. –
– Allora, prima che tu mandi le guardie a me, io ti faccio chiamare dal pretore. –

E ccuscì, tra l’ome e lu cumpare cuminzette na causa tanta longhe. Né l’ome, né lu cumpare era tante ricche e tutt’e ddù onne avette spenne nu suacche di solde pi pagà l’avvucate.
Fu così che, tra l’uomo e il parente, cominciò una lunghissima causa. Né l’uomo, né il suo parente erano molto ricchi ed entrambi dovettero spendere un sacco di soldi per pagare gli avvocati.

Doppe paricchie tiempe, finalmente, l’ome vincette la cause. N’amiche, chi lu ncuntrette na matine, i facette tante di chille cumplimiente:
Dopo parecchio tempo, finalmente, l’uomo vinse la causa. Un amico, che lo incontrò una mattina, gli fece tantissimi complimenti:

– So sapute ca si vinciute la cause nchi lu cumpare. Brave, si viste ca si une tè raggione a la fine ci la fa? –
– Ho saputo che hai vinto la causa contro il tuo parente. Bravo, hai visto che se uno ha ragione alla fine la fa valere? –

E l’ome i’arispunnette: – Eh! La cause la so’ vinte, ma bbona vacca me!
E l’uomo gli rispose: – Eh! La causa l’ho vinta, ma buona vacca mia!

– Chi vvuò dice? – Addummannete l’amiche.
– Che cosa vuoi dire? – Domandò l’amico.

– Vuoglie dice, ca la cause, la so vinciute, ma pi pagà, l’avvucate, mi so vuta venne pure la vacche!
– Voglio dire, che la causa l’avrò pure vinta, ma per pagare gli avvocati, ho dovuto vendere anche la mucca!

 *****

La frase “Bbona vacca mè!”, viene ancora oggi citata quando si porta a compimento un progetto che è costato troppo sia in termini economici, che in termini di tempo e fatica. Come dire: è più la spesa che l’impresa.

 *****

Aneddoto = Notizia storica marginale, poco nota ma caratteristica, relativa per lo più a un personaggio o evento importante. O, anche, raccontino breve e arguto, relativo a personaggi o fatti reali o tipico, significativo di un certo ambiente. In senso più ampio, fatto particolare e curioso della vita privata di qualcuno

________________________________
[1] Benedetto Di Sciullo
Abruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti
[2] Giovanni MarianoAbruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, l’aria, i profumi dell’Alto Vastese.

Editing: Enzo C. Delli Quadri 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.