Home / Cultura / Cultura Popolare / Aneddoto Almosaviano: – Assagge, assagge sore patrone, pane, casce e uve coma sà! –

Aneddoto Almosaviano: – Assagge, assagge sore patrone, pane, casce e uve coma sà! –

Aneddoto[1] Almosaviano di Benedetto di Sciullo[2] e Giovanni Mariano [3]

 Laiuto (1)

Nu juorre, n’ome chi tineve tante terre, vidette ca, pure si zi faceve aiutuà da la moglie e da lu figlie, nin ci la faceve a fa tutti li lavore di la campagne.
Un giorno, un uomo che possedeva molti terreni, si rese conto che, pur facendosi aiutare dalla moglie e dal figlio, non riusciva a sbrigare tutti i lavori della campagna.

Pigliette allore la dicisione di pagà n’aiute pi fàreje accutì la vigne chi era tanta grosse.
Prese allora la decisione di pagare un aiutante per affidargli l’incombenza di accudire alla vigna che era molto grande.

Siccome però nin zi fidieve di nisciune e aveve paure chi i zonne cuglieve l’uve, avette circà pi tanta tiempe, prime di truvà cocchedune chi ive buone pi isse.
Siccome non si fidava di nessuno ed aveva paura che gli si cogliessero l’uva, dovette cercare per molto tempo, prima di trovare qualcuno che andasse bene per lui.

Finalmente, doppe tante, zi prisintette nu giuvinitte, na ‘nzegne sceme, ma chi ere nu gruosse lavuratore.
Finalmente, dopo tanto, si presentò un giovanetto, un po’ tonto, ma gran lavoratore.

Lu prime juorre, quanna lu giovene zi prisintette a lu lavore, l’ome i facette tante raccumandaziune, ma, siccome i ‘nteressave di chiù ca lu giuvinitte nin zi magnesse l’uve chi ere quase pronte pi la vinnegne, z’ariccummannette chiù di ‘na volte a nin tuccuà li griespe picchè pi magnè ni tineve sficiente pi tutta la jurnate.
Il primo giorno, quando il ragazzo si presentò al lavoro, l’uomo gli fece tante raccomandazioni, ma, siccome gli interessava soprattutto che il giovane non mangiasse l’uva che era quasi pronta per la vendemmia, lo esortò più di una volta a non toccare i grappoli perché da mangiare n’aveva a sufficienza per tutta la giornata.

I dette, ‘mpatte, ‘na mappatelle nchi ‘na ‘nzegne di casce, ddu felle di pane e ‘na buttigliette di vine. Lu giovene i dicette di nin prioccupàreze e zi ni jette ‘ncampagne.
Gli consegnò, infatti, un involto con del formaggio, delle fette di pane e una bottiglietta di vino. Il giovane gli disse di non preoccuparsi e se n’andò in campagna.

A mità jurnate l’ome z’affaccette a la vigne pi vidè come prucedeve lu lavore e truvette l’aiute assittate sotte a na pièrvele chi zi magnieve lu casce, lu pane e … … l’uve.
A metà giornata l’uomo fece una capatina alla vigna per vedere come procedeva il lavoro e trovò l’aiutante seduto sotto un pergolato che mangiava il formaggio, il pane e …… l’uva.

E chi stiè facenne? – Addummannette l’ome a lu giovene. – I t’era ditte di nin tuccuà l’uve e tu ti li stiè magnenne!? –
 – Che cosa stai facendo? – Domandò l’uomo al giovane. – Io ti avevo detto di non toccare l’uva e tu la stai mangiando?! – –

E lu giovene aiutante, cuntinuenne a magnè arispunnette:
E il giovane aiutante, continuando a mangiare rispose:

– Assagge, assagge sore patrone, pane, casce e uve coma sà! –
– Assaggia, assaggia signor padrone, pane, formaggio e uva, che buon sapore hanno! –

 .

.

L’aneddoto è probabilmente tratto dal famoso detto “al contadino non far sapere quanto è buono il cacio con le pere” e la frase “Assagge, assagge sore patrone pane, casce e uve coma sà!” è solitamente usata da chi, contravvenendo ad una direttiva, non solo non si cura di essere stato colto in flagrante, ma invita anche chi gli ha proibito quella tal cosa a trasgredire la regola da lui stesso imposta.


_______________________________
[1] Aneddoto = Notizia storica marginale, poco nota ma caratteristica, relativa per lo più a un personaggio o evento importante. O, anche, raccontino breve e arguto, relativo a personaggi o fatti reali o tipico, significativo di un certo ambiente. In senso più ampio, fatto particolare e curioso della vita privata di qualcuno
[2] Benedetto Di Sciullo, Abruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti.
[3] Giovanni Mariano, Abruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, la aria, i profumi dell’Alto Vastese.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.