Home / Cultura / Amande de lu dialette & mastre attente de lu “taliane”

Amande de lu dialette & mastre attente de lu “taliane”

Poesia di Marisa Gallo dedicata a don Vincenzo Ferrara

Ho estrapolato alcuni riferimenti da poesie, lette solo dagli stralci in “MARONEA 3” di don Vincenzo Ferrara, non avendo il suo libro- A lui dedico -stavolta FORSE con “sentore poetico”!?- il mio scritto “in verticale”!

Come nu cuànnelire fuine e dritte, 
forse gne ‘na farfalle, ligge e svelte,
nu huaglione pestaeve la nocce a lu trappuite, 
addò la gente steve speranzeose arhunuite …
Guardanne le mosse sulenne e strane de lu “kuapucce” 
zà ‘mparate a ffa’ bbuone lu segne de croce…
S(e)parate dall’acque ràusce,
l’uglie culave preziuse gocce a gocce ‘nnu trappuite,
da le culonne de vriscuele, quasi a file a cchiumme! 

Calave ‘mmece ammischiate all’acque,
cle mosse sulenne, lente e studijate, 
chiù preziuse ancheore, 
lu vuine rousce ‘nnu cualice a la Maisse,
cla gente ancheore chiù speranzeose e zzitte ,
tra le culonne forte de la chijse!!! 

Ha “sucuete ‘nnu pitte de mamme”sae,
memoria bbaone e longhe attenzjione;
“abbeluppoete da na spère de sèole” de Ddei 
ha state po’ nu cuannelire “straliuce” 
a la scaule, pe’ la Chijse e ppiure ‘nna vuite! 


Amante di vernacolo e cultore attento di lingua 

Come un candeliere fino e dritto, 
forse come una farfalla, leggero e veloce, 
un ragazzo “pestava” la pasta d’olive nel frantoio, 
dove la gente stava speranzosa insieme…
Seguendo le mosse solenni e strane dell’uomo / ” kapatore”  
ha imparato a fare bene il SEGNO DELLA CROCE.
Separato dall’acqua rossa, 
l’olio colava prezioso goccia a goccia nel frantoio,
dalla colonna dei fiscoli impilati quasi “a piombo”.

Calava invece mescolato ad acqua,
con movenze solenni, lente e ieratiche, 
più prezioso ancora,
il vino rosso nel calice, durante la Messa,
con gente ancor più speranzosa e zitta,
tra le colonne forti della chiesa… 

Ha succhiato dal petto di sua madre,
memoria buona e lunga attenzione;
avvolto da un raggio di sole divino, 
è stato poi un “candeliere lucente” 
a scuola, per la Chiesa ed anche nella vita! 

________________
Nota 
a) CUANNELIRE – termine dialettale del mio paese Montefalcone nel Sannio per dire candeliere da chiesa 
b)CUANNELIRE -termine dialettale- sempre del mio paese-per dire il “ghiacciolo” pendente dai tetti in inverno, usato anche nella sua bella e significativa poesia dal poeta -concittadino Giovanni Ciccarone e da lui stesso “rappresentato”- Ringrazio il poeta /disegnatore, che io ricordo “ragazzino” essendo lui molto più giovane-

Pescara 9 10 ’19 

___________
Copyright: Altosannio Magazine; 
EditingEnzo C. Delli Quadri



About Marisa Gallo

Marisa Gallo, molisana di Montefalcone nel Sannio, insegnante, amante e cultrice della Poesia, più per hobby che per professione, impegnata a restare al passo dei tempi, ma con animo caldo, non sclerotizzato dai media aggressivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.