Home / Cronaca / Attualità / Economia e Politica / Politica / Nazionale / Almosava non è Don Chisciotte.

Almosava non è Don Chisciotte.

I consiglieri regionali: “Giganti” o “Mulini a vento”

Don Chisciotte della Mancia  è la più importante opera letteraria dello scrittore spagnolo Miguel de Cervantes Saavedra e una delle opere più rappresentative della letteratura mondiale. Il protagonista della vicenda è un hidalgo spagnolo di nome Alonso Quijano, morbosamente appassionato di romanzi cavallereschi che  lo condizionano a tal punto da trascinarlo in un mondo fantastico, nel quale si convince di essere chiamato a diventare un cavaliere errante. Si mette quindi in viaggio, come gli eroi dei romanzi, per difendere i deboli e riparare i torti. Alonso diventa così il cavaliere don Chisciotte della Mancia e inizia a girare per la Spagna. Nel suo folle peregrinare, tra tante storie stravaganti, intravede, all’orizzonte, trenta o quaranta mulini a vento, li scambia per smisurati giganti con i quali vuole subito battagliare. Malgrado gli ammonimenti di Sancio, il suo scudiero, egli si lancia a galoppo contro il primo mulino a vento, cade a terra e rimane piuttosto malconcio.

Pensate davvero che Almosava, novello Don Chisciotte, lotti contro i Mulini a vento, scambiandoli per Giganti?
Ma dove, ma quando!!!

Qui i Giganti, con due gambe, una gran testa, e braccia possenti, esistono sul serio.

Basti leggere le notizie riportate su giornali nazionali di questa mattina. Riporto fedelmente: “In questa valle di lacrime, esiste ancora una terra fertile e rigogliosa, dove il destino può anche sorridere. ……… ……. Il piccolo Eden è il Molise.…regione seconda per esiguità solo alla Valle d’Aosta. Qui, dove tutto è piccolo, i politici pensano in grande. I 30 consiglieri regionali non temono il futuro. L’hanno predisposto con molta cura. Grazie ad una legge del 1995, non si fanno cogliere impreparati….. …. …. Dopo una legislatura – solo 60 versamenti mensili, 22 per cento sul compenso lordo ( di norma ne occorrerebbero oltre 400, con contributi al 33%) – maturano il diritto ad incassare una buona cifra al compimento del sessantesimo anno di età….. …..La vera gloria della citata legge sta tutta concentrata in una idea rivoluzionaria: trasformare il vitalizio in un patrimonio di famiglia, perchè niente si perda con il disgraziato evento della morte. In un certo senso sono prove tecniche di eternità… … .. I benefici (del vitalizio, in caso di morte), passano, ovviamente alla moglie. In assenza del consorte, passano ai figli. E se proprio non ci sono i figli, passano al padre del compianto consigliere. E se proprio non è disponibile un padre, passano alla madre. Il Settimanale del Molise, con accurate simulazioni, ha calcolato che un vitalizio possa andare avanti così anche per cinquant’anni…. … … (Senza molte differenze) esistono privilegi per i politici del potere centrale e privilegi per quelli dell’ultima amministrazione di estrema provincia”.

Sono o non sono, questi nostri politici dei veri Giganti?

Va detto, per onestà, che alcuni di essi, appartenenti a tutte le compagini politiche, nonostante tutto, si muovono ancora nell’interesse delle popolazioni ed evitano di  riempirsi la bocca circa l’importanza dell’autonomia provinciale o regionale, anzi usano dire che se l’autonomia significa ridurre le possibilità di maggiori e migliori  interventi su sanità, scuola, trasporti ecc…, vanno privilegiati sanità, scuola, trasporti, ecc…e va sacrificata l’autonomia (Evviva!!!)

Almosava, con l’aiuto di questi politici (di tutte le parti politiche), combatte contro quegli altri  (anche questi di tutte le parti politiche) i quali, o in buona fede o per negligenza o per opportunità o per pervicacia o per assurdi campanilismi, vorrebbero insistere a fare i giganti e far credere alle popolazioni che noi altri si stia a combattere contro i mulini a vento.

Eh, no!!!. Almosava non è Don Chisciotte e Loro non sono Mulini a vento.

Enzo C. Delli Quadri
Fondatore e amministratore di Almosava, Gruppo di Discussione, apartitico, che privilegia il Territorio e chiede per esso l’aiuto dei politici e dei cittadini di tutti gli schieramenti, nessuno escluso.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

2 commenti

  1. sono d’accordo… 😉

  2. finalmente! qualcuno che la dice chiara su come, nel’Italia del 2011, ancora esista chi ritiene che un mandato elettivo conferitogli dal popolo passa servire per aggiustarsi i fatti suoi e dei suoi discendenti. eppure non sono mancati esempi di statisti che eletti alla fine del mandato non avevano un mattone in più di prima: Einaudi, De Gasperi, Don Sturzo, lo stesso (sotto certi aspetti deprecato) Giolitti……ma già, costoro nel senso comune della nostra Italia……sono chiamati fessi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.