Home / Cultura / Tradizioni / Gastronomia / Agnelle a la Dijavele – Agnello alla Diavola

Agnelle a la Dijavele – Agnello alla Diavola

Benedetto di Sciullo [1] e Giovanni Mariano [2]

Agnello alla Diavola
Agnello alla Diavola

INGREDIENTI

(per 4 persone)

1 Kg di agnello;
1 spicchio d’aglio;
alcuni rametti di rosmarino;
1 peperoncino rosso;
1 bicchiere di vino bianco secco;
olio extra vergine d’oliva;
sale;
pepe.

VINO CONSIGLIATO:

Montepulciano d’Abruzzo

 

PREPARAZIONE

Dopo aver tagliato a pezzi l’agnello, mettetelo in un recipiente. Aggiungetevi l’aglio sbucciato e schiacciato, il rosmarino, il peperoncino, il bicchiere d’olio, sale, pepe e lasciate marinare il tutto per mezz’ora.

Trascorso il tempo previsto, in una padella dal bordo alto scaldate un paio di cucchiai di olio, unendovi l’olio della marinatura, l’aglio, il rosmarino ed il peperoncino. Fate rosolare l’aglio tenendo mescolato con una paletta di legno, poi aggiungete i pezzi di carne e, rigirandoli con la solita paletta di legno, fateli rosolare a fuoco allegro.

Bagnate quindi con il vino abbassando la fiamma al minimo e poi lasciate proseguire la cottura per tre ore circa, cioè fino a quando la carne di agnello si stacchi perfettamente dalle ossa.

____________________________
[1] Benedetto Di SciulloAbruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti
[2] Giovanni MarianoAbruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, la aria, i profumi dell’Alto Vastese.

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. la prossima volta che verrà preparato questo GUSTOSO piatto, prego aggiungete un posto a tavola x me… Ma che sia agnello di montagna; io sono stata abituata a quello del mio pase MONTEFALCONE NEL SANNIO ALT.650m slm. grazie, non mancherò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.