Home / Cultura / Acropoli e Necropoli di Aufidena

Acropoli e Necropoli di Aufidena

a cura di Enzo C. Delli Quadri

Acropoli di Alfedena – Foto Trip advisor

I resi si trovano in località Monte Curino, sopra un’altura sovrastante l’attuale paese di Alfedena. Le prime scoperte furono fatte nel 1877 dall’archeologo locale Antonio De Nino; altri rinvenimenti sono stati effettuati di recente tra il 1969 e il 1974, con molti reperti scultorei conservati nel Museo civico aufidenate di Castel di Sangro, presso l’ex convento della Maddalena dei Frati Osservanti. L’abitato era cinto da possenti mura fortificate, fondato nel VI secolo a.C. dai Sanniti Pentri, anche se alcuni studiosi vogliono che l’antica Aufidena si trovasse presso Castel di Sangro, come dimostrano i rinvenimenti del sito detto “Scale del Lupo”. Altre scoperte infatti presso Castel di Sangro in zona Civita Alta, presso il Colle San Giovanni e l’antico castello normanno, testimonierebbero come quest’area fosse abitata dagli Italici prima di Roma, e come comunicassero tra di loro, per mezzo delle rocche, per presidiare il territorio, cioè con l’area del Volturno, per mezzo di un’altra rocchetta sovrastante l’abitato di Scontrone (AQ) e di Montalto (presso il tratturo Pescasseroli-Candela).

I ruderi sono visibili tra i cespugli, benché sia stato realizzato un percorso di facilitazione dell’impianto planimetrico italico. Si trovano resti di edifici pubblici, di un forno, una cisterna monumentale, dei templi. Un tempietto è contraddistinto dai resti delle colonne, poi della basilica, di cui si intravede il perimetro. Segnaletica turistica anche se datata consente di migliorare la visita, e guidano nella parte est, dove si trova una necropoli.

foto yesabruzzo

Questa necropoli presenta notevoli somiglianze con altri due siti alto sangrini, quello di Opi e quello di Barrea. Tali analogie hanno permesso agli esperti di parlare di una vera e propria facies culturale dell’Alto Sangro. Le circa 1.500 sepolture rinvenute, databili tra il VII secolo a.C e l’inizio del III secolo a.C., hanno restituito numerosi reperti, anche questi conservati presso il Museo civico aufidenate Antonio De Nino

foto yesabruzzo

EditingEnzo C. Delli Quadri
Copyright: Wikipedia

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.