Home / Cronaca / Attualità / Economia e Politica / In Abruzzo continuano a tessere la tela della Unione dei Comuni

In Abruzzo continuano a tessere la tela della Unione dei Comuni

Molti dei Comuni che, storicamente per lingua, cultura e valori, in assenza di iniziative concrete dell’alto Sangro e dell’Alto Molise, saranno attratte da queste iniziative concorrenziali.

.

 

 

 

 

 

Tratto da www,rete 5.tv

.

SULMONA – Givedì 12 settenbre 2013

“Dopo l’incontro avvenuto giovedì 5 settembre, presso la sede Comunale, alle ore 17, tra una nostra delegazione e il Sindaco di Sulmona Ranalli, quest’ultimo ci ha confermato la sua convinzione a procedere verso una vasta aggregazione in prospettiva strategica per l’interesse del Centro Abruzzo e il suo territorio”.

Giovanni Natale

Lo rende noto Giovanni Natale (foto) del Movimento ripensiamo il territorio, dopo aver incontrato una delegazione dell’amministrazione comunale sulmonese.

“Sulmona pur avendo vocazione di capofila, vuole essere primus inter pares – continua Natale nella nota – e dopo che ci ha anche dichiarato la sua disponibilità concreta, già in fase di FAS, a mettere tutto in comune per un progetto unico condiviso che possa essere espressione di tutti i centri interessati – ha anche designato un suo incaricato per l’incontro di riflessione a cui l’abbiamo invitato, per lo scorso 9 settembre a Raiano, presso il Centro Abeos con la partecipazione di rappresentanti di diverse Istituzioni, Associazioni culturali, del mondo del lavoro e della produzione, cosa che ha riconfermato la volontà comune di concorrere insieme a progettare il futuro del territorio del Centro Abruzzo attraverso in una prospettiva credibile, condivisa e moderna. Sono state delineate le strategie da portare avanti per i prossimi mesi come Movimento ‘Ripensiamo il Territorio’.

Al centro dei lavori, anche le recenti decisioni per la costituzione delle Unioni dei Comuni su cui non sono mancate alcune riserve sulla opportunità di sviluppare approfondimenti necessari soprattutto per quanto attiene alla consistenza demografica minima della Unione (15 mila abitanti) per non restare emarginati dalle scelte strategiche fondamentali di carattere nazionale ed europeo – continua Natale – I lavori sono stati aperti da una relazione della nostra Dr.ssa Tiziana Federico che ha ricostruito i passaggi fondamentali degli ultimi mesi e ha riferito anche sulle risultanze dell’audizione che il Movimento ha avuto prima della pausa estiva con la Conferenza dei Capigruppo del Consiglio Regionale che andranno a deliberazione a breve.

L’arch. Roberto Mascarucci ( Università di Pescara/Chieti), profondo conoscitore delle politiche per il riequilibrio territoriale ha riferito come la fase storica che si sta attraversando, anche in vista del probabile scioglimento delle Province e in vista della organizzazione del territorio attraverso un sistema urbano di 2^ livello, assegna al Centro Abruzzo una collocazione precisa e di rilievo nella Vision della Macroregione Adriatico-Ionica che è ormai una realtà e nell’ambito della quale, dobbiamo essere pronti con le reti urbane di secondo livello, ovvero la nostra Grande Municipalità, per la fase 2014-2020, onde agganciarsi alle opportunità che la normativa UE offre ai territori.

Giostre Cavalleresche di Sulmona

Nel dibattito sono intervenuti: l’Assessore Anna Grazia Valdo (appunto delegata dal Sindaco di Sulmona), l’Assessore Giovanni Diamante (delegato del Sindaco di Popoli), il Presidente di Confindustria L’Aquila, Fabio Spinosa, il prof. Mario Setta, Sergio Palombizio ( Vice Pres. Ance), Anna Berghella (Presidente DMC), Roberto Montagna (Direttore DMC), Rosa Giammarco (Dir. Ag.regionale promozione culturale Sulmona e Castel di Sangro), Marcello Marasco (direttore Centro Abeos).

Nel corso della riunione sono stati affrontati anche alcuni aspetti organizzativi in preparazione di un Convegno di studi da tenersi entro la fine dell’anno.

Nei prossimi giorni – chiude – sarà definito un Comitato di coordinamento ristretto per avviare due iniziative mirate: un confronto sul territorio con le due Unioni di Comuni che stanno per costituirsi e una campagna di sensibilizzazione e informazione sul tema “ Comunicare il cambiamento: il Centro Abruzzo da spettatore a protagonista del suo futuro”.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.