Home / Cultura / Cultura Popolare / A mezza vocche – A mezza bocca

A mezza vocche – A mezza bocca

di Bendetto di Sciullo [1] e Giovanni Mariano [2]

a-mezza-bocca

Na femmene chi tineve na vagliona cirelle, abbitave vicine a ‘na sore di lu marite.
Una donna che aveva una bambina piccola, abitava vicino ad una sorella del marito.

La cugnate stave sola esse e, quasi tutte li juorre la ive a truvà e purtave coccose o pi esse o pi la citre.
La cognata viveva sola e, quasi tutti i giorni, andava a trovarla e portava qualcosa per lei o per la bimba.

La vaglione z’era affizziunate a la zie e nin puteve fa chiù a mene di viderle.   
La piccina si era affezionata alla zia e non poteva più fare a meno di vederla.

La mamme, da ‘na vie era contente accuscì puteve lassà la figlie a cocchedune quanna tineve chi fa, da n’natre nin sempre vuleve chi la cugnate jesse tante spisse a la casa sé picchè doppe l’aveva ammitiè a rimanè magniè nchi esse.
La madre, sebbene contenta di poter affidare la figlia a qualcuno quando era occupata, non sempre gradiva che la cognata andasse così spesso a casa sua perché doveva poi invitarla a pranzo.

Nu juorre, mentre stave priparenne a magniè, la citre i z’avvicinette e i dicette:   
Un giorno, mentre stava preparando da mangiare, la bambina le si avvicinò e le disse:

– Mà, pozze i a chiamà la zie accuscì magne nchi nù? –   
– Mamma, posso andare a chiamare la zia così pranza con noi? –

La mamme chi nin vuleve dispiacè la figlie, ma nin vuleve ammitiè la cugnate, na ‘nzegne sobbrappenziere arispunnette:
La madre, che non voleva dispiacere la figlia, ma non voleva invitare la cognata, un po’ soprappensiero rispose:

– Va bbuone, vall’a chiamà, ma ammìtele a mezza vocche – vulenne dice ca nin aveva ‘nziste a ‘mitielle si la zie i diceve ca nin puteva minì.   
– Va bene, vai a chiamarla, ma invitala a mezza bocca  (volendo con questo dire che non doveva insistere nell’invito se la zia le avesse detto che non poteva venire).

La citre iette da la zie, la salutette e po’, riggènneze mezza vocche nchi li dètere, dicette:
La bimba andò dalla zia, la salutò e poi, reggendosi mezza bocca con le dita, le disse:

– Ha ditte mamme, si vuò minì a magniè a la casa nostre! –
– Ha detto mamma, se vuoi venire a mangiare a casa nostra! –

– E picchè ti riegge la vocche nchi li miene? Ti dole li diente? – Addummannette la zie preoccupate.
– E perché ti reggi la bocca con le mani? Hai forse mal di denti? – Domandò la zia preoccupata.

– None – arispunnette la vaglione – mamme m’ha ditte ca t’aveve ammitiè a mezza vocche e i accuscì so fatte! –   
– No – rispose la bimba – mamma mi ha detto di invitarti a mezza bocca ed io così ho fatto!-

La zie nin ci mittette troppe a capì chi vuleve dice la citre: i facette nu carizze e i dicette:   
La zia non ci mise molto a capire cosa la bambina volesse dire. Le fece una carezza e le disse:

– None zia sé: arivà a la case, aringrazie mamme e dije cà i ‘ngrazia Ddiè, nin aeje bisuogne di niente! –   
– No bella di zia: torna a casa, ringrazia mamma e dille che io, ringraziando Dio, non ho bisogno di nulla! –

-.-.-

Con la frase  “m’ha mmitìete a mezza vocche”  (mi ha invitato a mezza bocca) si vuole solitamente far rilevare che l’invito fatto da qualcuno non convince molto o perché fatto per pura formalità o perché, cosa ancora più grave, nasconde un proprio tornaconto personale.

__________________________________
[1] Benedetto Di Sciullo, Abruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti.
[2] Giovanni Mariano, Abruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, la aria, i profumi dell’Alto Vastese.

Copyright:  www.Faldus.it
Editing: Enzo C. Delli Quadri

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. Proverbio sinceramente vero, diffuso forse dappertutto in Molise, al quale mi permetto di aggiungerne un altro, sempre in argomento: ” cugnate, facce allavate”!Erano tempi difficili quelli di una volta, ma anche oggi … Eh già, perché sono difficili e POCHI gli affetti veri!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.