Home / Cultura / Cultura Popolare / A la spiagge – Sulla spiaggia

A la spiagge – Sulla spiaggia

di  Rodrigo Cieri [1]

A la spiagge

     Le cchiappe so’ ‘mpuštate ‘mbacce a ssole
sdraiate a nu lettine de la spiagge;
m’accresce la culture nche nu sagge
ccuscì la coccia mè sta’ sempre ‘n vole.

Quand’ere bbelle bbelle cuncentrate
nu tumm’e ttumme t’à ‘ttaccate forte
da farme già pensà’ ca me va štorte
sentirme gné martelle la sunate.

Le ggiuvenette mo’ de “ Vive Vaste”
cumenze a dà’ le štrille pe’ rechiame
a chi vo demagrì’, ma senza fame
e manch’a refiutà’ na bbella pašte.

Colpe de cule a deštr’e giravolte
e po’ ssineštre n’atre e po’ nu zompe,
šta chi se chieche lente pe’ n’ze rompe;
s’apenze ca ddù gramme se l’à tolte.

Ma chi s’è mmesse fore pe’ brehogne
attente guarde e piane s’aretorce;
surride a chi va ‘rrete e l’ucchie torce
sapenne ca nn’è cchiù na cerevogne.

Chi šta vicin’a mme “S’è propïe rutte!”
Me sa ca pe’ la ‘mmidie ggià se schiatte.
De tempe n’à passate e quelle vatte:
nen sente ca le cchiappe me s’è cutte!

Sulla spiaggia

Le chiappe ho rivolto verso il sole
sdraiato su un lettino della spiaggia;
aumento la cultura con un saggio
così la mia mente è sempre in volo.

Quand’ero bello bello concentrato
un boom e boom arriva forte
da farmi ritenere che va storto
sentirmi martellante la suonata.

Una giovinetta ora di “Vivi Vasto”
comincia a dare urli per richiamo
a chi vuole dimagrire, ma senza fame
e senza rifiutare la bella pasta.

Colpo di culo a destra e giravolta
e poi a sinistra un altro e quindi un salto,
c’è chi si piega lento per non rompersi;
pensa che due grammi li ha perduti.

Ma chi si è messa fuori per vergogna
attenta guarda e piano si contorce;
sorride a chi va dietro e gli occhi gira
sapendo che non è più una acerba.

Chi sta vicino a me “S’è proprio rotto!”
Mi sembra che per invidia sta schiattando.
Di tempo n’è passato e quello batte:
non sento che le chiappe si sono cotte!

 

 


[1] Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

About Rodrigo Cieri

Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Un commento

  1. Cosa c’è di più gradito al mare sdraiati sul lettino, se non un buon libro? detto così quasi non lo segui il consiglio, ma dopo aver letta la poesia con l’ironia creativa ad allegra di Rodrigo ti convinci… ANCHE AL MARE EGLI “FA” ED “HA” UN SAGGIO.
    Beh vorrei anch’io io trovarmi in mezzo a quel tum-tum, pur sapendo di non essere più acerba. Cosa non darei per togliermi due grammi e per vedere lui cotto… di sole!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.