Home / Cultura / Cultura Popolare / A la penzione

A la penzione

Poesia di Rodrigo Cieri[1]

vecchio pensionato orto

A la penzione

Idì che me succede a la vecchiaje!?
Me facce na cursette la matine
e pure na nutate a la piscine.
A fa caccose nen me štanche maie.

Da pensionate zappe pure l’orte,
l’attrezze tenghe ‘n mane p’allenarme
e pe’ vangà’, nen facce pe’ vvantarme,
‘ntuštanne nche la mazze, vajje forte,

ma lu raccolte è štorte e j me ’ncazze.
“Pecché nen pinse a legge’ e scrive’ štorie!
E lasse a turturà’ ‘nsalate e fojje!

– la mojja mè me dice – Fa’….fa’ lu mazze!
Le lumachine freche la cicorie,
lu musce hatte sgrizze e… mo se cojje!”

In pensione

Ma guarda che mi succede alla vecchiaia!?
Mi faccio una corsetta la mattina
e pure una nuotata in piscina.
Di fare qualcosa non mi stanco mai.

Da pensionato zappo pure l’orto,
l’attrezzo tengo in mano per allenarmi
e per vangare, non faccio per vantarmi,
maneggiando con la mazza, vado forte,

ma il raccolto è scarso e io mi adiro.
“Perché non pensi a leggere e scrivere storie!
E smetti di torturare insalata e verdure!

– esclama mia moglie – Fa’… fa’ il mazzo!
Le lumachine bucano la cicoria,
il gatto innaffia e… chissà se si raccoglie!”


[1] Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

About Rodrigo Cieri

Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Un commento

  1. SEMPRE un sottofondo di gradita ironia nei sonetti di RODRIGO , che ne rendono piacevole la lettura. Questo in particolare ha anche un saggio suggerimento della sua metà- la moglie- che conoscendolo bene gli consiglia di adoperare ancora, pure in pensione , la penna nella quale è certamente più maestro e fortunato. E condivido appieno il consiglio di sua moglie!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.