VOLA VOLA

5
940

Canzone popolare di Luigi Dommarco

 .

E vola, vola, vola, vola e vola lu cardille, nu vasce a pizzichille né mi le può negà.

 

Vulesse fa’ ‘revenì pe’ n’ora sole
lu tempe belle de la cuntentezze,
quande pazzijavame a vola vola
e te cupre’ de vasce e de carezze
Vorrei far tornare per un’ora sola
il tempo bello della contentezza,
quando giocavamo a vola vola
e ti coprivo di baci e di carezze.
 
E vola, vola, vola, vola, vola
e vola lu pavone,
si tiè lu core bbone
mo fammece arpruvà.
E vola, vola, vola, vola
e vola il pavone,
se hai il cuore buono
ora fammici riprovare.
 

 

‘Na vote pe’ spegnà lu fazzulette,
so’ state cundannate de vasciarte.
Tu te scì fatte rosce e me scì ditte
di ‘nginucchiarme prima e d’abbracciarte.
Una volta, per disimpegnare il fazzoletto,
sono stato condannato a baciarti.
Tu ti sei fatta rossa e mi hai detto
d’inginocchiarmi prima e d’abbracciarti.
 
E vola, vola, vola, vola
e vola lu gallinacce,
mo si ti guarde ‘n facce
mi pare di sugnà
E vola, vola, vola, vola
vola il gallinaccio,
ora se ti guardo in faccia
mi pare di sognare.
 

 

Come li fiure nasce a primavere,
l’ammore nasce da la citilanze.
Marì, si mi vuò bbene e accome jere,
né mi luvà stù sogne e sta speranze.
Come i fiori nascono a primavera,
l’amore nasce dalla fanciullezza.
Maria, se mi vuoi bene come ieri,
non togliermi questo sogno e questa speranza.
 
E vola, vola, vola, vola
e vola lu cardille,
nu vasce a pizzichille
né mi le può negà.
E vola, vola, vola, vola
e vola il cardellino,
un bacio con pizzicotti sulle guance
non me lo puoi negare.
 

 

Nà vota ‘r’na pupuccia capricciosa,
purtive trecci appese e lu fruntine,
mo ti si fatte serie e vruvignose,
ma ss’ucchie me turmente e me trascine.
Una volta eri una bambina capricciosa,
portavi le trecce appese ed il frontino,
ora ti sei fatta seria e vergognosa,
ma quegli occhi mi tormentano ed mi ammaliano.
 
E vola, vola, vola, vola
e vola la ciaramella,
pe’ n’ore cuscì belle
vulesse sprufunnà.
E vola, vola, vola, vola
e vola la ciaramella,
per un’ora così bella
vorrei sprofondare.

.

5 Commenti

  1. La quarta strofa in realtà è la terza (quella con la cialmarella) mentre l’ultima è quella col cardillo. Un tempo le canzoni erano molto lunghe e chiunque, volendo, poteva aggiungerci le strofe che voleva poiché, trattandosi di canzoni popolari, il nome dell’autore si perdeva nella notte dei tempi.

    •  Ho approfondito. La strofa
      numero 4, di chiusura, è quella della ciaramella, per diversi motivi. Il
      primo risiede nel testo pubblicato in onore del suo autore; il secondo
      nella logina dell’avvicinamento amoroso, dove nella prima strofa si
      chiede di poterci provare, nella seconda di tornare a sognare, nella
      terza, quella del cardellino, di avere un bacio e nella quarta, dulcis
      in fundo, di passare insieme un’ora.

      • Bellissima musica folkloristica, ogni volta che l’ascolto ho tanta nostalgia dei posti trascorsi nella mia adolescenza, sono stato nel Molise e mantengo sempre un ricordo incancellabile, l’ascolto di sovente avendola inserita in un cd che ascolto in macchina, bellissima! Quanto auspico una riunificazione dell’Abruzzo con il Molise

  2. Andare sul sito Almosava di prima mattina per vedere le novità e trovare ” Vola, vola” , una canzone che ci ha accompagnato sempre dall’infanzia è come bere con le mani l’acqua fresca di una delle nostre fonti e sentirla scorrere sul viso e sulle braccia .
    Grazie!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.