Voglie turnà da te paese mije

4
1387

di Bruno Marinelli [1]

cielo-stellato

Voglie turnà da te paese mije

‘Nu pesce ch’arrenghiana la currente
e se ne va a murì lloche ‘ddo è nate,
a ‘stu paese i’ ce pensava tante
e doppe tante tiempe so’ turnate.
Voglie sendì ch’ l’aria sa de terra
appriesse ch’è sfuriat ‘n’acquazzone;
voglie ‘scutà ru sciate de ru vosch
ch’ sona ch’ le fronne ‘na canzone.
Uardà chell’acqua scorre, paunella,
tra la ranìja, le rocchie e merecùne,
farme accecà da re ragge de sole
ch’ jocane chell’acqua de re sciume.
E camenà pe’ le vijarelle antiche,
cercà le case ch’ se so’ sdrupate
pecchè tutte le prete e ogne purtòne
contane storie ch’i’ m’eva scurdate.
E può passà ‘nnanze alla casa meja
e ‘mmaggenarve ‘ncoppe a ru balcone
addò, però, ns’affaccia chiù nsciune,
e chiagne come fusse ‘nu uaglione.
E chiude r’uocchie qua sotte alle stelle
… ‘mpiette sta pace ch’ me si arredate…
attuorne voglie sule le muntagne
e ‘ncoppe a me ru ciele addò so’ nate.

Voglio tornar da te, paese mio

Un pesce che risale la corrente
e se ne va a morire dove è nato,
a questo paese ci pensavo tanto
e dopo tanto tempo son tornato.
Voglio sentire che l’aria sa di terra
dopo che si è sfuriato un acquazzone;
voglio ascoltare il respiro del bosco
che con le fronde suona una canzone.
Guardare quell’acqua, verde scuro,scorrere
tra l’erba d’acqua, i cespugli e i grandi sassi,
farmi accecare dai raggi del sole
che giocano con l’acqua del fiume.
E camminare per le viuzze antiche,
cercare le case che sono crollate
perché tutte le pietre e ogni portone
raccontano storie che io avevo scordato.
E poi passare davanti casa mia
e immaginarvi affacciati al balcone
dove, però, non si affaccia più nessuno,
e piangere come se fossi un bambino.
E chiudere gli occhi, qua, sotto le stelle
…nel petto la pace che mi hai ridato…
attorno voglio solo le montagne
e sopra me il cielo dove sono nato.

_______________________________
[1] Bruno Marinelli, molisano di Rionero Sannitico, costretto ad abbandonare gli studi universitari per dedicarsi al lavoro in banca, ha operato nel sindacato, senza mai abbandonare la sua passione per la poesia dialettale

[divider]

Musica: Richard Clayderman Nostalgia
Editing: Enzo C. Delli Quadri

[divider]

 

4 Commenti

  1. E può passà ‘nnanze alla casa meja
    e ‘mmaggenarve ‘ncoppe a ru balcone
    addò, però, ns’affaccia chiù nsciune,………………………………….

  2. Dire che la nostalgia è un sentimento negativo significa non aver vissuto o anche semplicemente non aver letto qualcosa di bello, come la presente poesia di Bruno Marinelli: delicata e tenera con l’anima bambina, ma di persona che ha già vissuto una bella fetta di vita – se, come dice, dal balcone della sua casa non s’affaccia più nessun familiare a salutarlo. VORREMMO tutti vivere e far durare il più a lungo possibile questo gentile sentimento della NOSTALGIA, rivolta al proprio paese o alle proprie passioni, ché ahimè anche quelle sfumano impercettibilmente col tempo. Coraggio hai le montagne che ti/ci salutano ed esse –FORTUNATAMENTE – non ti /ci lasciano!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.