V’odie de n’amore sctreuse – Vi odio di un amore strano

1
711

di Gustavo Tempesta Petresine [1]

Gustavo, costretto da giovane a lasciare il suo Pescopennataro, scrive questa Poesia dura, forte, direi ruvida, con un disperato bisogno di poter, comunque,  un giorno tornare nella terra natia (e quanda sonna véde ‘ne vallone ca arreporta l’acca addunna sorge). E’ il bisogno di tanti di noi, poco riconosciuto da cinici ignoti.

 fiume

 V’odie de n’amore sctreuse

Mmiézze a ‘sse terre ca éte addesertàte
avéte semendàte sole spìne.
E’ la descordia chella ca c’è nata;
e le veléne je ha fatte da cuncime.

Vu! Ca avéte jùte lemusenijenne:

pe re paìsce vute a ccurte e a llunghe
all’annascùse, all’uocchie de nesciùne,
gné zingre ca z’arrobbene re pienne.*

Vu! Ca re mesengùne éte ‘mbarate:

a cameniè che lénga sctrascenùne,
accundendànne che ‘ne puoscteciélle
re scufaniète e re langarùne.

Vu! ca ve séte fatta la cerchiéra:

tenenne l’uasene sott’arre basctone;
e quille accenghenite e rassegniete
camìna a coccia bassa e chiù ‘n ze move

gna sctà chi z’è ammalate e ‘n zarresana
e je arremascta sole la speranza.
Può pure chella ze perde e ze zeffonna
e ze cunzùma che ‘na raja ‘mbiétte.

Ammescelìte Ré senza curona!
Ca sctruscene le siégge de vellùte
e ze ne futtene de chi lassa radìce
ma lassene re régne arre nepute.

E tu Majella che ‘sse canalone,
ca spute néve ghienga e ‘mmaculàta,
chemmuò ‘n de tigne ‘na ‘nzégna de culore!
A pennellà ‘sse figlie zitte e sctanghe !

Ma forse, pure tu te sié ‘nzerràta!
O zote aspiétte ca te casca ‘n gape
‘na occia a Primavera che t’adacca
e t’arrevéglia da ‘na brutta ‘ngusctia

chemmuò l’ome n’ è sole carne e sanghe.
E pure coccia sendemiénde e suonne;
e quanda sonna véde ‘ne vallone
ca arreporta l’acca addunna sorge.

*In passato, ai continui furti di biancheria stesa ad asciugare, nei nostri paesi si dava erroneamente la colpa ai nomadi.

Fiume Verrino

Vi odio di un amore strano

Fra queste terre che avete inaridito
avete seminato solo spine.
E’ la discordia, quella che è cresciuta;
ed il veleno ha fatto da concime.

Voi! Che siete andati elemosinando:

per i paesi voti, in tutti i modi.
Nascosti agli occhi di nessuno
Come ladri di biancheria*.

Voi! Che i profittatori avete addestrati:

ad agire in modo servile
accontentando con un impiego
i senza fondo e gli avidi

Voi! Che vi siete chiusi in circolo:

tenendo l’asino sotto il bastone
ed ora dolorante e rassegnato
cammina a testa bassa e non si muove

come chi si è ammalato e non guarisce
e gli è rimasto solo la speranza.
Poi anche quella si perde e si distrugge,
e si consuma con un livore dentro.

Miserabili Re senza corona!

Che strofinano sedie vellutate
e non gli importa di chi è costretto a emigrare
Il loro regno lo lasciano ai nipoti.

E tu Majella con il canalone
che sputi neve bianca e immacolata;
perché non dai un tocco di colore
a questa gente rassegnata, e stanca!

Ma forse anche tu ti sei arresa!
O immobile aspetti l’occasione
di una goccia che ti svegli a Primavera
e ti liberi da una fastidiosa inquietudine

perché l’uomo non è solo carne e sangue
è anche testa, sentimento e sogno;
e nel suo sogno vede un torrente
che porta indietro l’acqua, alla sua fonte.

*In passato, ai continui furti di biancheria stesa ad asciugare, nei nostri paesi si dava erroneamente la colpa ai nomadi.

________________________________
[1] [1] Gustavo Tempesta Petresine, Nativo di Pescopennataro, si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati gli apprezzamenti e i premi che consegue continuamente. Il suo libro di poesie più bello e completo si chiama “‘Ne cande,”

[divider] Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri [divider]

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.