Versi d’amore segnalati da Maria delli Quadri

0
912

Nota di Maria Delli Quadri: Sono poesie e versi dialettali capracottesi antichissimi, raccolti in  un libro a cura di Orese Conti. La nonna di mio marito li conosceva tutti a memoria e li recitava ad ogni piè sospinto. Io me la ricordo questa vecchietta che recitava e per ogn circostanza trovava il verso giusto. Il libro è stato stampato a Napoli nel 1911.


Ier sera me ‘nguntriette che na brunetta
alla fundana che la tina ‘nghieva
Passiette e i diciette : amore mie,
na véveta de chess’acqua me faria.

Essa s’arvolta che na lenga bella:
I mia done l’acqua pe’ la via;
vié quanda n’ce sta mamma e che sto sola,
te done l’acqua e la persona mia.

L’altra sera incontrai una brunetta
alla fontana che la tina riempiva
Passai e le dissi: amore mio
una bevuta di quest’acqua io farei

Ella si voltò con una lingua bella.
Io mai dono l’acqua per la via;
vieni quando non c’è mamma e sto sola,
di dono l’acqua e la persona mia.

.-.

Amore mie, nen me ne fa tante:
so piccerella e le diche a mamma.

Amore mio , non farmene tante;
sono piccola e lo dico alla mamma.

.-.

E’ notte, è notte e ru sole è calate,
chi n’ha fatte l’amore se r’ ha perdute.

E’ notte, è notte e il sole è calato,
chi non ha fatto l’amore, se l’è perduto.

.-.

Fiore di mentuccia,
viieta a chi te stregne e a chi t’abbraccia,
vieta a chi te vascia sa vuccuccia.

Fiore di mentuccia,
beato colui che ti stinge e che ti abbraccia,
beato colui che bacia questa boccuccia.

.-.

Quant’è bella la femmina alla nuda!
te pare n’angeletta arrecamata.

Quanto è bella la donna nuda!
Pare un angelo ricamato.

 .-.

Oh,che bell’aria che sta a stu paese,
vieata a chi ci te’ la nnammurata:
ce sta na figlia che fila la seta,
e fa re buttungine arrecamati.
– Bella, appiccicane quattr’a stu vestite,
te re vuogli pagà mille duchieate –
Essa s’arvolta tutta ‘ngendelita:
– Re buttungine d’amore nen so’ pagate -.

Oh che bell’ aria che c’è in questo paese,
beato colui che ha l’innammorata
c’è una figlia che fila la seta
e fa i bottoncini ricamati.
– Bella, attaccamene quattro a questo vestito,
te li voglio pagare mille ducati -.
Ella si volta tutta ingentilita:
– I bottoncini d’amore non si pagano -.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.