Un sogno ad occhi aperti

2
337

Scritto di Gustavo Tempesta Petresine

L’incongruenza del sogno prescinde da tempo e spazio. Così, mi trovai in una dimensione indefinibile sognando S. Paolo, l’apostolo che ebbe la visione degli inferi. Mi trovai in un’aura immateriale, ovvero, nel sogno ero incoscientemente presente. Dopo avere visto, con grade pena, il girone dell’anti-inferno popolato dagli ignavi, dove mi parve di riconoscere vecchie e “nuove” presenze della infanzia vissuta nel mio paese, dal fondo di un dirupo vidi salire un uomo. Era il Vate Gabriele D’Annunzio, incaricato di guidarmi attraverso un limitrofo inferno; un inferno minore. Nel sogno usavo un linguaggio… una specie di volgare dantesco misto a una sua evoluzione verso il ‘500. Bah!

Erano le cinque del mattino quando suonò la sveglia chiamandomi a costruire qualcosa di concreto. Dovevo lavorare e quello non era un sogno…


 

…Così voltai lo guardo a me ritroso           …Fu così che voltandomi
Vedendo moltitudin sofferente                  vidi molta gente che soffriva
Da occhi inviperiti e fare iroso.                 con occhi avvelenati e colmi di ira.

Era lo spirto di quei che in lor’ vita            Era lo spirito di quelli che da vivi
Non operaron’ mal’ e ben’ alcuno              si adoperarono né per il bene né per il male
E non provai per lor’ alcuna piéta.             e provai per loro alcuna pietà

Oh, Pescum che da l’alto de ‘l borro          Pesco, che dall’alto del borgo
Guardi la valle e lo sacro fiume,               guardi la valle e il fiume Sangro,
Dai a me ‘l lume si ragiono o erro             dimmi se ho ragione o torto.

Se de li Carracini fusti loco.                      Se dei Carricini fosti la terra,
Nostra semenza e nostri nascimenti,         il seme della nostra stirpe,
Com’è esto defunger poco a poco?            come mai questo morire poco per volta?

Com’è che l’arme antiche furen frante       come successe che le armi antiche furono rotte
Dianzi a Silla e la potente Roma                davanti a Silla e alla potente Roma
Eredi senza volto e senza fonte?               eredi senza tradizione e senza storia?

Ora soggetti al barbaro pensiero               soggetti ora al “civile divenire”
Dell’esser divenute sciatte e mute             di essere diventati inutili e muti
Simil’ a frutto marcio de lo pero                simili al frutto che marcisce caduto dal pero

Voi ‘mberatur d’avìta dinastia                    Voi “imperatori” di antica dinastia
Che tramandaste di poter semenza            che tramandate il potere come fosse un seme
Ed ancor oggi, forse, più che pria               ed oggi ancora, forse, più che ieri

Privilegiate vostra nascinenza.                   privilegiate la vostra discendenza
E come saxa corre ne le vene                    e come il sangue che scorre nelle vene
Pe’ poi tornar a ‘l cor,                                per poi tornare al cuore,

rubra in cerchianza                                  di nuovo circolando rosso
Di vostro nascimento prole filia                 la figlianza della vostra prole
imberatur deventa in loco osanza.             diventa nuovamente imperatore.

Queste parole a me javo decenno              Queste parole “mi dicevo”
In mentre che lo basso de la ripa               mentre dal basso di un burrone
Lo Nunzio Gabriele a me menanno             Gabriele D’Annunzio verso me

Traeva da lo foco de l’inferno.                    veniva dal fuoco dell’inferno.
Che fa voi Vate in esto loco rio?                 Che fate, Vate, in questo brutto posto?
E come vi giungeste e qual’ che fura?         Come ci arrivaste e come fu?

Lo Vas Electione a voi mostrovvi                S. Paolo vi mostrò il percorso
Per giungere all’Averno, quale via?             per giungere all‘inferno, per quale via?
se per uman sentier’ giammai trovossi       se per un sentiero da vivi non ci si arriva

sia che fue alma bona o alma ria?              sia essendo una persona buona o cattiva.
Ed Elli a me favella revuolgette:                 Ed egli si rivolse a me parlando:
Come conosce lo nomine meo                    come fai a sapere chi sono

Tu che vien da lo loco e da la terra             tu che vieni da quella terra (Abruzzo e Molise)
Ch’io disprezzai e coversi d’elegia?             che io disprezzai ma coprii di elogi
Io saccio ca tu sei d’ prete e terra              avverto che tu sei di carne ed ossa.

E sarò guida a te e sarò spia                     Ti sarò guida e consigliere
Ne li giron’ limitrofi a lo ‘nferno                 Nei gironi limitrofi dell’inferno
Dove de li paesan v’ è gente ria.               Dove si trovano (le anime) dei paesani cattivi

Sì, m’accostai allo meo Nunzio Vate           Mi accostai al mio Vate
Essendo nano a sua alta statura                avvertendo la mia piccola “statura culturale”
Che rubra si signaron le mie gote.             E vergognandomi arrossivo.

Vidi le genti co’ calzari sciolti                     vidi “le anime” con le scarpe sciolte
Che dopo passo ad inciampar cadendo       che dopo un passo cadevano inciampando.
Avean ira e scorno su’ lor volti                   Avevano sul viso la rabbia e lo sconforto

Dopo che ‘n piedi fueno di novo                 Dopo essersi alzati di nuovo
Tuornavano a cader’ e ne lor lacci              tornavano a cadere e causa i lacci
Lo corpo si straziava dentro un rovo           finivano straziati dalle spine

Chi son, magistro, cotesti sofferenti           Chi sono, Maestro, questi sofferenti
Pei quali i’ già provo tanta pena?               per i quali già provo tanta pena?
Hanno froge squarciate e denti rotti           Hanno nasi squarciati e denti rotti.

Perché s’affannan con cotanta lena?           Perché si affannano con tanta fretta?
Egli rispuose: sono i Rosellani                    Egli rispose: sono quelli di Rosello,
Che a presso de la terra de Molise              confinanti con il Molise

Innalzano confini co le mani                       non vogliono essere accomunati.
Che da l’Abruzzo fuer sì divise                    Sono quelli che rimasero in Abruzzo
da la ‘ngordigia de l’ommini nani.               a causa dell’autonomia voluta da interesssati

Ed ora pel peccato de l’orgoglio                  Adesso a causa del peccato di orgoglio
Di esser sussiegosi e abruzzesi                   di sentirsi solo Abruzzesi e non Molisani
Condanna loro è pena con gran doglio         scontano la pena con grande sofferenza.

Escimmo poi dal poco ameno loco               Uscimmo dal luogo poco piacevole
E ci inoltrammo pe verzure e boschi            e ci inoltrammo per prati e boschi
Lo cor’ ‘i mi sentìa più cheto e lasco            sentivo il mio cuore calmo e lieto

Ma ‘l guardo che credea veder lo cielo         ma gli occhi che credevano vedere un cielo
Rimase orbo a cotanto orrore;                    rimasero ciechi di fronte a un altro orrore
Lo Vate con la man parava un velo              il Vate, con la mano, mi riparava

Che per pietade distuolse a me ‘l dolore.      per pietà allontanò da me un dolore
E come infante che a materno seno             ed io come un bambino che si strige al seno
Si strenge e se ripara a farsi core                della madre per darsi coraggio

trovai riparo dal loco poco ameno.               Trovai un riparo da quel luogo
Ei disse a me: lo sito che spaura                 Egli mi disse: il luogo che ti spaventa
E tanta tema ancide lo sereno                     e con tanto orrore uccide il sereno

fue bellezza un tempo e acqua pura             un tempo fu bellezza, e acqua pura
Correva in fra li monti e la verzura,              correva tra i monti e i prati
Or l’abbandono regna e cosa dura                adesso tutto abbandono e tristezza

È: che ‘l bon’omm si fugge e si spaura          è: che il brav’uomo emigra impaurito
Se riede più non trova ‘l nido antico              seppure torna non trova la sua casa
E lagrime non versa e non si cura.                e se la trova resta indifferente

Come l’augel che lascia ‘l nido e ‘l corvo        come l’uccello che lascia il nido e il corvo
lo prende lo destruie et lo ruina,                   lo distrugge e lo rovina,
scevro d’amor e d’ odio ‘l tene in serbo.        senza provare né amore né odio.

 


Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine

2 Commenti

  1. La bella terzina dantesca ha fatto gola al nostro poeta Gustavo, che da par suo vi si è cimentato con gran risultato letterario e con una nota ancora evidente di quell’immancabile campanilismo che c’era UNA VOLTA tra i paesi confinanti ….
    Ma la parte finale, ahimè dolorosa, dello stato di abbandono dei paesi, “riaccomuna”nel dolore gl’ignavi “paesani” che tornano, ma non ritrovano i loro nidi…pur un giorno elogiati dal grande vate Gabriele D’Annunzio…
    Grande esempio di denuncia sociale e politica….
    Ironico e piacevole sogno ad occhi aperti!
    E SPERO IL POETA NE FACCIA ALTRI SIMILI!

  2. La bella terzina dantesca ha fatto gola al nostro poeta Gustavo, che da par suo vi si è cimentato con gran risultato letterario e con una nota ancora evidente di quell’immancabile campanilismo che c’era UNA VOLTA tra i paesi confinanti ….
    Ma la parte finale, ahimè dolorosa, dello stato di abbandono dei paesi, “riaccomuna”nel dolore gl’ignavi “paesani” che tornano, ma non ritrovano i loro nidi…pur un giorno elogiati dal grande vate Gabriele D’Annunzio…
    Grande esempio di denuncia sociale e politica….
    Ironico e piacevole sogno ad occhi aperti!
    E SPERO IL POETA NE FACCIA ALTRI SIMILI!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here