Trištane e Isotte

0
413

Poesia di Rodrigo Cieri [1]
tratta dal suo libro “Memoria è Anima”  Campobasso 2017.

Trištane e Isotte

La štorie de Trištane e de Isotte
è ncore troppe bbelle e commovente.
D’amore tutte e ddù è štate cotte;
lu core ne sentive de turmente

pecché la spose ere de lu rré
e isse avé giurate fedeltà.
Sapevecuntrullà‟  la forzasé;
lu core no: vuleve cummannà‟!

L’ammidie so ddò è cumbine guaie,
ma isse pe’  lu cape  vacumbatte
e ‘m pette véculpite e ‘rrive l’ore.

«Senza te» dice Isotte  «maie, maie!»
Je sente ca lu core cchiù nen vatte.
Che dulore! Ze štenne accande e more!

 

Celenza sul Trigno,  28 dicembre 2006

 

Tristano e Isotta

La storia di Tristano e di Isotta
è ancora troppo bella e commovente.
D’amore tutti e due erano cotti;
il cuore ne sentiva il tormento

perché la sposa apparteneva al re
e lui aveva giurato fedeltà.
Sapeva controllare la sua forza;
il cuore no: voleva comandare!

L’invidia dappertutto combina guai,
ma lui per il capo va a combattere
e in petto vien colpito e giunge l’ora.

«Senza te» dice Isotta «mai, mai!»
Gli sente che il cuore più non batte.
Che dolore! Si sdraia accanto a lui e muore!

 


Editing: Enzo C. Delli Quadri 
Copyright: Altosannio Magazine

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.