Tremulizze e ameure – Tremore e amore

1
701

segnalata da  Maria Delli Quadri [1]

Amore 

M’è m’nìut ru tremulizze

Quand la giuv’netta s’ammalett, se iette a mette a liett m’bizza m’bizza; può la iett a truvà la cummara:

° Cummare m’è m’nìut ru tremulizze

– Cummare, te vuoglie accide nu peccione.
° None, cummare, ca nen stienghe vòna

– Cummare, te vuoglie accide na allina.
° None, cummare meia, ca m’arruvine.

– Cummare, te vuoglie accide nu castrate.
° None, cummara, ca stieng’ammalata.

– Cummara, te vuoglie dà nu biell marite.
° Scine, cummara, ca m’ardiè la vita.

Tremore e amore

Quando la giovinetta si ammalò si mise a letto, come per rintanarsi;  andò a trovarla la Comare:

° Comare, m’è venuto un tremolio

– Comare, voglio uccidere per te un piccione.
° No, comare, non sto bene

– Comare, voglio uccidere per te una  gallina.
° None, comare mia, mi rovina.

– Comare, voglio uccidere per te un castrato.
° No, comara, sono ‘ammalata.

– Comara, voglio darti un bell marito.
° Si, comara, mi ridai la vita

 

________________________________
[1] Maria Delli Quadri, Molisana di Agnone (IS), già Prof.ssa di Lettere oggi in pensione. Ama la musica, la lettura e l’espressione scritta dei suoi sentimenti.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.