Teresina

0
822

Poesia di Gustavo Tempesta Petresine [1] musicata, suonata e cantata dallo stesso Gustavo.

Teresina, Storia di emigrazione

Per ascoltare la canzone cliccare sul triangolino, alla sinistra della striscia, qui sopra. La canzone è cantata in dialetto, comprensibilissimo. Comunque, i versi qui sotto, sono riportati in italiano e ne aiutano la comprensione.

868_me_n_a01_b47_09

Teresina

Teresina mischia uova e farina
per fare le “sagne,”
mentre una lacrima lucente – riflesso d’argento –
dagli occhi neri, scende.
Era il tempo dei fichi maturi
quando lasciò: un vecchio amore
un velo bianco, un vestito da sposa,
un mazzo di fiori d’arancio con in mezzo una rosa.
Un treno aspettava alla stazione:
– treno che fischia e porta lontano –
treno che non aspetta nessuno
e ti lascia con la valigia in mano.
Avevi in mente solamente Milano;
nemmeno sapevi se stava vicino o stava troppo lontano.

donne in fabbrica
Teresina ha la faccia bianca e odora di colla.
La sera esce dalla fabbrica con la borsa a tracolla.
Teresina ha lasciato Milano, è partita;
anche lì ha lasciato un amore e una storia passata.
Treno che aspetta qualcuno alla stazione
treno che fischia e ti riporta lontano…

158qcj

 

_____________________________________
[1]  Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

[divider] Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri [divider]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.