Te sende – Ti sento

0
596

di Gustavo Tempesta Petresine [1] 

pioggia

Te sende

Te sende che le chiòve, sctammatina;
me gire attorne gné ‘na occia tonna,
puorte sendòre de jèrva e de nevìna
‘nziémbre a ‘n’addore ca ‘ndortera la terra.

Tu sié re vuozzetiélle ca ze scréa
e ascì t’affiècce alla feresctra aperta:
‘ne tené furia d’addevendà farfalla
ca schiude l’ale, ama ‘na ‘nzegna, e mòre.

 

Ti sento

Ti avverto con la pioggia, stamattina;
mi giri intorno come una goccia tonda,
porti l’umore di erba e di “nevina”
insieme a un odore che pregna la terra.

Tu sei come un bozzolo che si schiude,
così, ti affacci alla finestra aperta.
Non aver’ fretta di essere farfalla
che schiude le ali, ama un po’, e poi muore.

 

__________________________________
[1] Gustavo Tempesta PetresineNativo di Pescopennataro, si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati gli apprezzamenti e i premi che consegue continuamente.  Il suo libro di poesie più bello e completo si chiama “‘Ne cande”

[divider] Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine [divider]

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.