Home / Tag Archives: Trivento

Tag Archives: Trivento

Terra da scoprire: Salcito e Trivento

di Mario AntenucciTratto dal suo libro  “La Terra da Scoprire” [1]             Lascio alle mie spalle la collina agnonese che digrada dolcemente verso il mare Adriatico e la cresta frastagliata delle montagne. A mano a mano e a poco a poco che abbandono il territorio collinare la vista conosce più da vicino il …

Read More »

Trivento e le sue leggende

di Maria Merola Trivento, secondo secondo un’antica immaginazione etimologica era così chiamato perché esposto ai venti dell’est, del nord e del sud, si trova su un colle da dove domina il territorio della valle del Trigno. Nei dintorni sono presenti delle profonde caverne scavate nella roccia, chiamate “morge”, tra queste …

Read More »

Il monastero di S. Croce di Verrino: scampoli celestiniani tra Capracotta e Agnone

di Francesco Mendozzi  Est locus Aprutii, cui profert accola nomen Molisium, patriæ huic quondam, vel parte Laboris terræ… Sono fermamente convinto che qualsiasi studio sui secoli XIII-XV in Alto Molise non possa prescindere dall’influenza esercitata dal priorato celestiniano di Agnone. Dico questo perché Pietro da Morrone, futuro papa Celestino V, …

Read More »

L’uncinetto più lungo del mondo”, a Trivento

di Marisa Gallo L’uncinetto più lungo del mondo”, a Trivento Rivisitato un bel lavoro antico! fili intrecciati: tappeto all’uncinetto, con fantasia  e colori. Nel bel paese, nelle vie tra i portoni, quartieri e case, con effetto policromo si son vestiti a festa… Pure si ammira del Colle Molisano sul fiume …

Read More »

Cripta: patrimonio sotterraneo triventino

Il video di Francesco, Nicola e Davide, del liceo “Scarano” di Trivento, intitolato Cripta: patrimonio sotterraneo triventino partecipa un concorso promosso dall’Unione Europea. Il video è molto ben fatto.  Aiutateli a vincere condividendo il post qui indicato. https://www.facebook.com/AldoPatriciello/videos/10156266999933555/ CRIPTA: PATRIMONIO SOTTERRANEO TRIVENTINO Il lavoro di Francesco, Nicola e Davide, del liceo "Scarano" di …

Read More »

A Trivento

di Angelo Iavicoli [1] A Trivento Troneggia sul colle superba volgendo all’ Abruzzo le terga, sorride alla valle del Trigno aprendo al turista lo scrigno di tante bellezze non note di oggi ed anche remote. Dal Piano, volgendo lo sguardo, monti e colline io guardo. Il mare là in fondo …

Read More »

Uno sguardo in versi sull’Altosannio: A Trivento

Haiku di Marisa Gallo [1] pochi versi ispirati dalle risorse ambientali, patrimoniali e umane dell’Altosannio, per esprimere un momento di bellezza o una esperienza emozionante. A Trivento Giorno ventoso: Trivento sul bel colle… Il Sannio intorno. Giù nella valle aprica, lunga e fertile, il fiume Trigno. Condotte in fila a …

Read More »

Primavera

di Angiolino Iavicoli [1] Un sole diverso stamane inonda
 la terra. Sorride il giardino. Il sentiero ha le prode fiorite. Il vento che sembra un amico, 
fresco mi sfiora le guance.
E’ un vento che parla. Sussurra parole d’amore,
di speme e di nuova stagione. Fa muovere le primule gialle, le umili …

Read More »

A Scalinata de Trivento

Versi di Luigi Lozzi Cor còre grosso ‘n gola, a pratica’ ‘ste scale, ciannavo ‘n pò de corsa così da famme male. Le sagome de’ portici, de le case e de le chiese sfilaveno ‘n cortèo e ‘n senso inverso a le discese. Se paraveno a la vista come fussero …

Read More »

L’acca de Treviènde – L’Acqua di Trivento

Angelo Iavicoli, con questa poesia, esalta la freschezza dell’acqua del Trigno, la bellezza delle montagne che lo circondano, la generosità della gente di Trivento (mièse a ‘sta gènte, fatiatrice e bona).   L’acca de Treviènde Sémbra ca te pjèce sta’ sotte terra acca benedetta de Treviènde pecché sijè bona e pelita …

Read More »

L’altare del magnifico Giuseppe Bastelli nella cattedrale di Trivento

di Franco Valente [1] Nel 1735 il vescovo triventino Alfonso Mariconda veniva promosso ad arcivescovo e come tale trasferito a guidare la diocesi di Acerenza e Matera. Tutte le cronotassi dei vescovi riferiscono che l’anno successivo 1736 il monaco celestino Fortunato Palumbo lo abbia sostituito a reggere la diocesi fino …

Read More »