Home / Cultura / Cultura Popolare / Šta mmalamèndə Raffajəluccə

Šta mmalamèndə Raffajəluccə

Poesia di Valentino Nero.[1] tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2]

Italia povera

Šta mmalamèndə Raffajəluccə

Da paricchjə jùornə chə št’a rru lìettə,
sə lamènda ca jə fa malə mbìettə.
Spissə la mógljə jə liššia lə spallə
e jə cə méttə ru matónə callə.
Ógne àura jə nganda ru malùocchjə,
ma Raffajəluccə tròima e tòrcə l’ùocchjə.
Jə dóicə alla mógliə: «Uéjə Marnəchéula,
ssə ji mə méurə armìenə tu séula!».
Ógne paréndə chə rə va truvèajə
Marnəchéula jə sə méttə accundèajə:
«Tənàiva tré figliə, ngràzia də Ddója,
rəgnìeva alla chèasa tanda armunójja.
Tuttə də bbòtta s’avétta scurójjə
e tutt’e tré mə s’avérna murójjə.
Mənguccə murèttə də jəttəciójja,
Angələmarójja də pulmənójja,
e Pappənèlla, nə nzaccə ch’avèttə,
ca mèndrə durmóiva l’alma jə ššèttə.
Ssə Raffajəluccə sə rə tògljə Ddójja
armanə séula e mmìes’a na vójja.
Ma ss’a rru liéttə ara spandəchəìejə
mègliə chə méur’e sə lòiva ssu uìejə.
Alléura gna saccə ch’arpéusa mbèacə,
purə də issə mə faccə capèacə».

Sta male Raffaeluccio

Da molti giorni è al letto
si lamenta che gli fa male il petto.
Spesso la moglie gli liscia le spalle
e ci mette il mattone caldo.
Ogni ora gli incanta il malocchio
ma Raffaeluccio trema e gira gli occhi.
Dice alla moglie: «Ué Marianicola,
se muoio rimani da sola!».
Ad ogni parente che lo va a trovare
Marianicola comincia a raccontare:
«Avevo tre figli, in grazia di Dio,
ragnava in casa tanta armonia.
Di colpo subentrò la nera sfortuna
e morirono tutti e tre.
Domenico morì di tisi,
Angelomaria di polmonite,
e Giuseppina, non so che ebbe
mentre dormiva se ne andò al Creatore.
Se Raffaeluccio se lo prende Dio
rimango sola e in mezzo a una strada.
Ma se al letto deve soffrire
meglio che muore e si leva questo guaio.
E allora quando so che riposa in pace
anche di lui mi capacito».

 

 __________________________
[1] Valentino Nero: Molisano di Agnone, nacque nel 1924 e, dopo la partecipazione alla seconda guerra mondiale, esercitò l’attività di calzolaio, prima, e di bidello, dopo. Ma la sua vera passione furono la prosa e la poesia in forma dialettale, attraverso le quali, con una creatività e una sensibilità innate, ci fa scoprire il mondo popolare che ruota attorno alla sue attività. Morì nel 1990.
[2] Domenico Meo, Abruzzese di Castelguidone (CH), ma agnonese di fatto, lavora alla Asrem di Agnone (IS). Si occupa, in termini scientifici, di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Tanti i suoi libri, su cui giganteggia il Vocabolario della lingua di Agnone. 

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. La prima ammirazione va al contenuto della fotografia, come si viveva a quei tempi. La seconda ammirazione va la constatazione che la morte non era così distante e paurosa, ma che in un certo senso faceva parte della vita. Si dava tutto ciò che si aveva, quel poco compensato da tanto affetto, e se non si riusciva a debellare il male con le cure ed i ritrovati di quei tempi, si accettava di buom grado la sorte che c’era riposta. Ciao amici mie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.