Si è tornati a camminare sul Sentiero della libertà

0
1114

Di Ezio Pelino – Tratto da www.rete5.tvdomenica 28 aprile 2013

La linea Rossa della  foto identifica la Linea Gustav

Scriveva Piero CalamandreiSe voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati”.

Il-Sentiero-della-Liberta 1

è giunto alla XIII edizione. A chi non dimentica il sentiero che portava nelle terre liberate (“Sentiero della libertà[1]), tornano i ricordi di quella prima straordinaria esperienza. Era tanto allora l’ entusiasmo ma altrettanta la preoccupazione. C’era tutto da inventare. A cominciare dal percorso. Gli ex prigionieri inglesi, con cui collaboravamo, volevano raggiungere e oltrepassare il mitico Sangro, il tragico fiume della linea Gustav. Noi volevamo raggiungere Casoli, nel ricordo delle traversate della Majella e delle eroiche guide di montagna sulmonesi. Per volontà dei reduci inglesi, la prima edizione del Sentiero ebbe come destinazione Castel di Sangro. Appariva, per una scuola, quel primo coinvolgimento un impegno ciclopico. Bisognava assicurare a centinaia di persone pasti caldi e un letto in paesi le cui amministrazioni comunali erano impreparate, se non infastidite o ostili. Ma non ci scoraggiammo. Gli incontri, le riunioni, le concertazioni si susseguirono. Si coinvolsero istituzioni, enti, associazioni, volenterosi.

Sentiero della Libertà 2

Fu una sorpresa assoluta l’ incredibile telefonata del giornalista Arrigo Levi che mi comunicava che il Presidente della Repubblica sarebbe venuto a Sulmona, per inaugurare la partenza del “Sentiero”. Mi annunciava, anche, che Ciampi si era ricordato di un suo diario scritto in occasione della traversata della Maiella insieme ad una sessantina di fuggiaschi inglesi e del suo amico sulmonese Carlo Autiero e del fratello Oscar. Ce lo spedirono. Pubblicammo immediatamente quel documento prezioso e successivamente la casa editrice Laterza ci chiese l’autorizzazione per rieditarlo, come avvenne.

La complessa logistica del primo Sentiero fu affidata ad un esperto, al generale Nunzio Fontecchio.

il-sentiero-della-libertà-3

La piazza principale della città, la piazza Garibaldi, il 17 maggio 2001, era affollata. Centinaia erano gli ex-prigionieri con i loro familiari, inglesi, canadesi, sudafricani, neozelandesi. E, sul palco, Carlo Azeglio Ciampi. Era tornato nella terra che lo aveva accolto dopo l’8 settembre. Dal 1957 Sulmona non ospitava un Capo dello Stato. La visita di Gronchi era dovuta al Bimillenario ovidiano, quella di Ciampi ricordava il tragico periodo della guerra, l’aiuto generoso della popolazione ai prigionieri fuggiaschi con cui divise “ il pane che non c’era”. Veniva ad inaugurare quel sentiero che il giovane sottotenente Ciampi, nel marzo del ’44, aveva percorso per ricongiungersi al suo reparto e partecipare alla liberazione dell’Italia. Era il sentiero dei prigionieri alleati evasi dai campi di concentramento, il più vicino a noi, quello della Badia, e di coloro che fuggivano l’oppressione nazista. “Anch’io fui uno di loro”, ricordò il presidente, “lasciai Sulmona, lasciai coloro che mi avevano accolto come un fratello, la sera del 24 marzo del 1944. In quelle giornate, in quei mesi di tragedia e di gloria, le popolazioni di queste regioni diedero prova di straordinario eroismo e di grande spirito umanitario”.

Il Sentiero della Libertà 4

Anche quest’anno, dal 26 aprile, centinaia di giovani si sono messi in cammino, attraverso la Majella. Sui passi di coloro che fuggivano dalle terre “tedesche” e si arrischiavano a superare la linea Gustav.

Il sentiero racconta tante storie. Molti, comprese le guide, finirono catturati dai tedeschi e deportati in Germania. Una lapide al valico del Guado di Coccia, rimossa per la costruzione della seggiovia e ricollocata dal liceo scientifico di Sulmona, ricorda un eroe solitario, il tenente dell’aeronautica Ettore De Corti, ucciso dai tedeschi perché reagì sparando ad una loro pattuglia.

A Taranta Peligna, il sacrario della Brigata Maiella testimonia la straordinaria storia di un Corpo di volontari che, al comando di Ettore Troilo, percorse il sentiero in senso inverso per continuare a combattere oltre l’Abruzzo, fino alla liberazione di Bologna.

 

____________________________________
[1]
Partendo da Sulmona, si attraversa Cansano, Campo di Giove, Palena, Gamberale e Pietransieri, percorrendo facili mulattiere o strade sterrate. L’itinerario, da suddividersi in tappe o da percorrere parzialmente, permette anche di conoscere siti di notevole rilevanza ambientale, come Piano Cerreto, dove i campi vengono coltivati ancora secondo tecniche e ritmi tradizionali, in cui vivono specie animali e vegetali ormai rare proprio perché legate a questo particolare ambiente e le splendide faggete del versante meridionale del Parco.Partenza: Sulmona Lunghezza: 44 km

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.