Sernata cafunesca.

0
802

di Bruno Marinelli [1]

sernata

Sernata cafunesca

A mezanott, ch’ ‘sta luna chiena,
me so’ tarmat sott a ‘stu balcone,
ma te vuleva fa ‘na sernata,
perciò me so’ ‘nventat ‘sta canzone.
♫ Iesce, fatt vedè quant si bella,
quande camine simbre ‘na cavalla
ch’ se capiglie luonghe pe’ la schina,
ru piette, se te tuorce, ch’ t’abballa.
Sapisse quant lacreme so’ sciute,
‘ste uange quant vote se so’ ‘mbosse
quande tu passe e nen me dice niente
e i’ te uarde e pense : ma, ch’ cosse!!
E voglie dice a patrete, stanott,
se sta ‘scutà ch’ te ‘sta canzuncella,
ch’ se me fa spusà ‘sta figlia sea,
re pozze da’ la vacca meja chiù bella.
Iesce ch’ te so fatt ‘nu rejale,
te so purtate ‘na pezza de casce,
nen me fa spannecà, cala qua sott,
e, vocca a vocca, demmece ‘nu vasce. ♫
…Ma d’acqua jlata e sporca, ‘na secchiata,
abbàlle pe’ la schina m’è arrvata.
Però, a pensarce bbuone, dall’addore…
è meglie se me denghe ‘na sciacquata.

 

Serenata Cafonesca

A mezzanotte, con questa luna piena,
mi sono ghiacciato sotto questo balcone,
ma ti volevo fare una serenata,
perciò mi sono inventato questa canzone.
♫ Esci, fatti vedere quanto sei bella,
quando cammini sembri una cavalla
con i capelli lunghi per la schiena,
il petto, se ancheggi, che ti balla.
Sapessi quante lacrime ho versato,
quante volte le guance si sono bagnate
quando tu passi e non mi dici niente
ed io ti guardo e penso : ma, che gambe!!
E voglio dire a tuo padre, stanotte,
se sta ascoltando, con te, questa canzoncella,
che se mi fa sposare questa figlia sua,
gli posso dare la mucca mia più bella.
Esci, che ti ho fatto un regalo,
ti ho portato una pezza di cacio,
non farmi spasimare, scendi qua sotto,
e, sulla bocca, diamoci un bacio.♫
…Ma d’acqua gelata e sporca, una secchiata,
giù per la schiena, mi è arrivata.
Però, a pensarci bene, dall’odore…
è meglio se vado a darmi una lavata.

_______________________________________
[1] Bruno Marinelli, molisano di Rionero Sannitico, costretto ad abbandonare gli studi universitari per dedicarsi al lavoro in banca, ha operato nel sindacato, senza mai abbandonare la sua passione per la poesia dialettale.

[divider] Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine [divider]

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.