Sei dicembre: il Molise piange 87 suoi figli scomparsi nel disastro di Monongah

0
557

Sei dicembre 1907: a distanza di 105 anni, il Molise piange ancora la scomparsa di 87 suoi figli nel disastro minerario di Monongah, in West Virginia, Stati Uniti. Alle ore 10.30 di quel triste giorno, una forte esplosione devastò le gallerie numero 6 e numero 8 della miniera di carbone della Fairmont Coal Company: il boato e le vibrazioni del terreno furono avvertite fino a 30 km di distanza. Il bilancio umano fu drammatico: morirono ufficialmente 361 minatori, di cui 171 italiani. Tra questi, ben 87 provenivano da Comuni molisani: Bagnoli del Trigno, Duronia, Fossalto, Frosolone, Pietracatella, Torella del Sannio e Vastogirardi.

Il disastro di Monongah
Il disastro di Monongah

Nel 2007, in occasione della celebrazione del centenario della sciagura, una delegazione molisana, composta dal governatore Michele Iorio e dai rappresentanti dei sette Comuni di origine dei minatori deceduti nell’inferno della West Virginia, si è recata Oltreoceano per rendere omaggio alle vittime del disastro e ha donato alla città di Monongah una campana commemorativa fusa nei laboratori della Pontificia Fonderia Marinelli di Agnone.

La campana di Monongah
La campana di Monongah

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.