Seconde la Sante Chicocce – Secondo la Santa Zucca

3
637

di Benedetto di Sciullo [1] e Giovanni Mariano [2]

Questo aneddoto ha prodotto una frase che ancora oggi viene utilizzata per indicare l’inutilità di una iniziativa.

Zucca

Dentre a nu cummente, ci stave nu moneche chi ere cunusciute da tutte chiente picchè arriscive a ndduviniè quanna minive Pasche cuntenne li sumente di na chicocce.
La chicocce però aveva esse une di chille chi sumintave isse stesse all’uorte siè e chi isse chiamave “La Santa Chicocce”. Quanne lu moneche aprive na chicocce pi dice quanna minive Pasche, la iente faceve la file pi videlle.
Lu sacristane, che tineve mmidie, nu iuorre pinzette di farije fa na brutta figure nniente a tutti chiente. Quanna lu moniche aprette la chicocce nniente a la iente, lu sacristane, senza farize vedè, ci’agghjugnette dentre nu pùonie di sumente.
Lu moneche cuminzette a cuntà, ma conte e conte e li luvine di chicocce ni ere sempre troppe. Cugliette pure n’altra chicocce, ma lu sacrastene facette la stessa cose.
Lu monache, chi nin sapeve chiù chi fa, quannna zi stufette di cuntà, zi vultette verse la iente e dicette:
– Seconde la Santa Chicocche, Pasche nin vè né pi st’anne, né pi l’anne chi vè! –


In un convento, c’era un monaco che era conosciuto da tutti perché riusciva ad indovinare in che data cadeva la Pasqua contando i semi di una zucca.
La zucca doveva essere una di quelle che seminava egli stesso nel suo orto e che lui chiamava “La Santa Zucca”. Quando il monaco apriva una cucurbita per indovinare il giorno della Pasqua, la gente faceva la fila per vederlo.
Il sagrestano, che era invidioso, un giorno pensò di fargli fare una brutta figura davanti a tutti. Quando il monaco aprì la zucca in pubblico, il sagrestano, senza farsi vedere, ci aggiunse dentro un pugno di semi.
Il monaco cominciò a contare, ma, conta e conta, i semi erano sempre troppi. Colse, allora, un’altra zucca, ma anche questa volta, il sagrestano ci aggiunse un pugno di semi.
Il monaco, che non sapeva più cosa fare, quando si stufò di contare, si rivolse verso la gente e disse:
-Secondo la Santa Zucca, Pasqua non viene né per quest’anno, né per l’anno prossimo! – 

La frase “Seconde la Sante Chicocce” (secondo la Santa Zucca) viene ancora oggi citata quando ci si rende conto che si sta per intraprendere un’attività o inutile o che non porterà a nulla di buono.


[1]Benedetto Di SciulloAbruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti
[2] Giovanni MarianoAbruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, l’aria, i profumi dell’Alto Vastese.

 

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.