Sciurillə ggiàllə – Fiorellino Giallo

1
1247

Poesia di Michele Di Ciero [1],
tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2]

Primule

Sciurillə ggiàllə

Sciurillə ggiàllə, riccə arrapprəjəlóitə
chə l’ùocchjə spalazzat’e mbambalìutə
tra na pəscólla tróvəda e na réusa
də névə jaccia, gné la mòrtə, gghjènga!
Tu sci ru próimə mmìesə alla vərnata
a cumənzà la ššèrta də rə scìurə
chə fìenə la ghərlanda dəll’annata:
papèmbalə, rusèllə e sciuššiachìurə,
ggigliə e cucù, carùofan’e vəjéulə.
A majjə, quàndə tutta la cambagna
pénd’e sgargiànda mbòppa e mbrufìuma;
la lupənèlla sgrizza sciùrə ruššə
canda ru vóschə, róidə la mundagna;
pə l’ùocchjə št’annascùoštə pə dəvìellə,
na fèšta də chəlìur’e də štərlambə;
də té prùopria nz’arcòrda cchjù cuvìellə
sciurillə curaggìusə də fəbbrarə
prənungiə də štaggéun’e də bbəllézza
lambə də spəranza mmìesə alla trəštézza.

Fiorellino giallo

Fiorellino giallo, riccio e infreddolito
con l’occhio spalancato e imbambolato
tra una pozzanghera torbida e una rosa
di neve ghiaccia, come la morte, bianca!
Tu sei il primo in mezzo all’inverno
a cominciare la serie dei fiori
che formano la ghirlanda dell’annata:
papaveri, rosette e asteracee,
gigli e cucù, garofani e viole.
A maggio, quando tutta la campagna
dipinta e con i colori sgargianti sboccia e profuma;
la lupinella schizza fiori rossi
canta il bosco, ride la montagna;
non sei nascosto agli occhi di nessuno,
una festa di colori e di splendori;
di te proprio non si ricorda più nessuno
fiorellino coraggioso di febbraio
presagio di stagione e di bellezza
attimo di speranza in mezzo alla tristezza.

 

_________________________
[1] Michele Di Ciero. Molisano di Agnone (IS), fu Maestro e Direttore Didattico. Sue le ricerche “sul campo” di usi, credenze, proverbi, filastrocche e canzoni narrative.
[2] Domenico Meo, Abruzzese di Castelguidone (CH), ma agnonese di fatto, lavora alla Asrem di Agnone (IS). Si occupa, in termini scientifici, di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Tanti i suoi libri, su cui giganteggia il Vocabolario della lingua di Agnone. (Il libro è disponibile telefonando allo +39 0865 78647 oppure +39 329 6245907)

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

 

 

1 COMMENTO

  1. Un mi rallegro sentito e vero.Poesia gentile e semplice che fa quasi sentire il profumo del fiore che descrive, a ragione esaltato perché non teme il gelo-bianco e freddo come la morte- e sboccia, sboccia a profusione lungo le prode delle strade, nei boschi e a me (Mi) piacciono particolarmente. Nel mio tempo di ragazzina adolescente esso – PRIMULA, si chiama PRIMULA,(non rossa, gialla ! ma credo lo sappiano anche le pietre tra cui fiorisce e che rallegra –è avvalorato dal fatto che mi ricorda qualche ora di libertà! Sì perché quando spuntavano le PRIMULE ci era concesso, sempre in due o tre, in gruppo, di andare lungo la “calecàre” strada rotabile di una volta, esposta a sud ovest, dove sbocciavano COPIOSE. Noi allegre e spensierate, dopo averle colte ci infilavamo dentro le violette, formando artistiche composizioni floreali…e forse spuntavano in anticipo grazie alle nostre preghiere e al nostro desiderio di adornarcene, e soprattutto al fatto che potevamo andare a coglierle in libertà.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.