San Bernardino in Agnone: il ciliegio

1
463

di Massimo Gargiulo[1]

IL CILIEGIO

Laggiù,
verso il fondovalle a piè di Agnone
ove serpeggia gorgogliando
il placido Verrino,
pallido ed effimero un prunus avium
fioriva nel tenero maggio molisano.

 

 

 

E quando rosseggiavano
i grappoli di turgide ciliegie,
un nugoletto di scavezzacolli,
come passeri frullanti,
scendeva furtivo giù per il pendìo
a beccheggiare
intorno ai rami bassi
gravidi e pendenti.
Era la festa d’una incosciente primavera.
L’esuberante rapina alla prodiga natura.

 

 

D’improvviso, l’eco pendolante
tra i monti silenti e addormentati
d’una secca schioppettata.
Ed il frullare veloce e fuggitivo
dei convittori di San Bernardino.

 

 

Ma sul pendio
austero giustiziere
Don Gennaro
con la bacchetta nera ci aspettava,
la sua penitenziale “Santa Justa”.
E le ciliegie ch’erano ancora asprine
divenivan amare!

 

______________
[1] Massimo Gargiulo: nato a Napoli, città dove vive, ha trascorso, da studente, l’adolescenza e la prima giovinezza ad Agnone, ospite del Convitto Vescovile di San Bernardino, quando ancora il Molise e Abruzzo erano un tutt’uno. L’amore per la nostra regione è rimasto intatto nel tempo e lo induce a trascorrere molto del suo tempo libero in terra d’Abruzzo. I suoi hobby sono la poesia e la pittura.

[2]San Bernardino:  antico convento di Agnone (IS) che è stato per molti anni Convitto Vescovile e ha ospitato studenti medi provenienti da tutte le parti d’Italia. Il Rettore era Don Gennaro Di Nucci di Capracotta.

EditingFlora Delli Quadri 
Copyright  Altosannio Magazine

 

1 COMMENTO

  1. Dove sei stato nascosto finora? Apprezzo la tua sensibilità, i tuoi ricordi, le tue nostalgie del celeberrimo convitto e di don Gennaro, il giustiziere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.