Ru pescatore e ru pensatore

1
609

di Bruno Marinelli [1]

sangro-1

Ru pescatore e ru pensatore

Re pescature la chiamane: ”La serpa”.
Ce stanne tante curve e currentine,
tra re chiù bieglie poste de ‘stu sciume,
ce vade, quacche vota la matìne.
‘Na allnella se nazzeca ch’ l’onde,
doppe ‘nu poch’ se ferme pe’ cuvà,
‘n’airone cenrine apre le scenne
e ch’ ‘nu pesce ‘mmocca se ne va.
E ‘stu remore de l’acqua ch’ scorre
m’allggerisce, già, tutte le pene.
Vijate, stise all’ombra delle fronne
me sente ‘nparadise, maddemane.
Le trote stanne dentre alla currente,
i’ m’addeverte a farle spaventà,
facce zumbà le lisce n’coppe all’acqua,
però me sente dice: “ Che stiè a fa?”
‘Ncazzate nire, come ‘nu carvone,
vecine a me ce sta ‘nu pescatore,
me st’alluccà :” Le siè ch’ nen se pesca
se tu cuntinue, strunze!, a fa remore”.
I’ r’arresponne:”Nen me frega niente,
ecch’ ce vengh’ sule pe’ pensà”.
Me uarda stuorte e se ne va chiù a monte
e sente ch’ me dice:” Va’ a cagà!”.

Il pescatore e il pensatore

I pescatori la chiamano: “La serpa”.
Ci stanno tante curve e piccole correnti,
tra i tratti più belli di questo fiume,
ci vado, qualche volta, la mattina.
Una gallinella d’acqua si culla con le onde,
dopo un poco si ferma per covare,
un airone cinerino apre le ali
e con un pesce in bocca se ne va.
E questo rumore dell’acqua che scorre
mi allevia tutte le pene.
Beato, disteso all’ombra delle fronde,
mi sento in paradiso, stamattina.
Le trote stanno dentro la corrente,
io mi diverto a farle spaventare,
faccio saltare sull’acqua pietre lisce,
però mi sento dire: ”Che cosa stai facendo?”.
Incazzato nero, come un carbone,
vicino a me c’è un pescatore
e grida verso di me: “ Lo sai che non si pesca
se tu continui, stronzo!, a far rumore”.
Io gli rispondo: “ Non me ne frega niente,
in questo posto ci vengo solo per pensare”.
Mi guarda storto e se ne va più a monte
e sento che mi dice: “ Vai a cagare”.

__________________________________
[1] Bruno Marinelli, molisano di Rionero Sannitico, costretto ad abbandonare gli studi universitari per dedicarsi al lavoro in banca, ha operato nel sindacato, senza mai abbandonare la sua passione per la poesia dialettale

[divider] editing: Enzo C. Delli Quadri [divider]

1 COMMENTO

  1. Purtroppo spesso capita che si sta uno da una parte del fiume e l’altro dall’altra sponda …per restare in tema.. ma caro poeta anima gentile, acuto e fine osservatore della bella natura e dei suoi viventi, qui bastava proprio solo un QUID per unirvi : BASTAVA CHE IL PESCATORE TI DESSE UNA CANNA –spesso se ne porta più d’una quando si va a pesca- O CHE TU GLI STENDESSI UN TUO LIBRO O CHE SO IL GIORNALE CHE AVEVI SOTTO IL BRACCIO!
    …e allora goduria TU >PESCATORE e LUI > PENSATORE O LETTORE!! A RUOLI INVERSI- per una volta!
    Ciò non toglie che se torni sul fiume a sentire il gorgoglio dell’acqua, o a divertirti con le lisce, o a guardare gli uccellini, vedrai che il pescatore non sarà ancora nero, avendo nel frattempo pescato il suo pesce, e non ti manderà più a …

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here