Home / Cultura / Cultura Popolare / Ru paésə mójja – Il mio paese

Ru paésə mójja – Il mio paese

Poesia di Valentino Nero [1] tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2]

Agnone
Agnone

 

Ru paésə mójja

Assóprə arru ləvèllə də ru mèarə,
a òttəcìendə mètrə šté d’aldézza;
chéšt’aria chə cə dùon’é na rəcchézza:
t’à fattə tandə bbìell’e tandə chèarə.
Šté sólə sùolə, ma šté nzin’a Ddójja,
scrəìetə mmìes’a tuttə štə mundagnə,
rə prufìumə də tuttə lə cambagnə
tə dónanə la pèac’e l’armunójja.
Pə tutta la naziéunə e pə ru munnə
pə lə cambèanə sci tandə arrənumèatə,
e nu vandə tə dà l’artəggianèatə,
chə mó št’a fa prugrèssə jurnə jurnə.
Sə sèndə ógne matóina all’əmbruvvóisə
da chéštə fundarójjə də lə rèamə,
vattə ru magliə e sémbra nu rəchjèamə
chə fa pə tuttə quàndə ru Mulóisə.
Sci gné nu paradóisə, na bbəllézza,
sci ricchə də cambèanə e cambanìerə,
paésə də callèar’e callarìerə,
tə chjèmanə chə tanda ggəndəlézza.
Ma štə cambèanə chi nnə št’asculdèajə
chə sónan’a dəštaisa e mó a martìellə?
É nu salìutə é nu salìutə bbìellə
ch’arru paésə mójja štìenə a dèajə.

 Il paese mio

Sul livello del mare
sei a ottocento metri di altezza;
quest’aria che ci doni è una ricchezza:
ti ha fatto tanto bello e tanto caro.
Sei solo solo ma sei in grazia di Dio,
disperso in mezzo a tutte queste montagne,
i profumi di tutte le campagne
ti donano la pace e l’armonia.
Per tutta la nazione e per il mondo
per le campane sei tanto rinomato,
e un vanto ti dà l’artigianato,
che sta progredendo giorno per giorno.
Si sente ogni mattina all’improvviso
da queste fonderie del rame,
battere il maglio e sembra un richiamo
che fa a tutto il Molise.
Sei come un paradiso, una bellezza,
sei ricco di campane e campanari,
paese di caldaie e calderai,
ti chiamano con tanta gentilezza.
Ma queste campane chi non ascolta
che suonano a distesa o a martello?
É un saluto è un saluto bello
che stanno dando al mio paese.

______________________________
[1] Valentino Nero: Nasce ad Agnone il 20 maggio 1924. Conclusa la scuola Elementare, apprende il mestiere di calzolaio e non ancora maggiorenne entra nella Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, le cosiddette camicie nere, combattendo in seguito nella Seconda Guerra Mondiale. Tornato nella sua Agnone, ricomincia l’attività di calzolaio. Nel 1962 muore la moglie. Con l’andar del tempo si risposa e nei primi anni Settanta viene assunto dalla scuola in qualità di bidello. Partecipa più volte al premio G. Cremonese e ad altri concorsi di poesia vernacolare in Molise, ricevendo consensi e lodi. Nero dà vita a rime gioiose e musicali, tanto che talune sono diventate canzoni grazie all’interprete e compositore Michele Delli Quadri. Nel 1967, a cura di Remo Nicola De Ciocchis, pubblica una raccolta di venti poesie in rima intitolata Poesie dialettali agnonesi. La sua creatività ci fa scoprire il mondo popolare soprattutto quando scrive le esilaranti commedie dialettali: La mòrtə r’a chjamèatə (La morte lo ha chiamato), Ru còccia tuóštə (Il testa dura), Dòppə na təmbèšta arrèššə sèmbrə na spéra də séulə (Dopo una tempesta riesce sempre un raggio di sole), L’oròscopə azzəcchèatə (L’oroscopo ha indovinato). Le brillanti recite, negli anni Ottanta, sono state rappresentate ad Agnone dalla compagnia teatrale le 4C e nell’ottobre 1986, in una serie indimenticabile di spettacoli, hanno divertito i nostri emigranti di Montreal e Leamington. Valentino Nero muore nel suo paese natio il 16 agosto 1990.
[2] Domenico Meo, Abruzzese di Castelguidone (CH), ma agnonese di fatto, lavora alla Asrem di Agnone (IS). Si occupa, in termini scientifici, di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Tanti i suoi libri, su cui giganteggia il Vocabolario della lingua di Agnone. . In questo suo ultimo lavoro Domenico Meo opera per resistere contro il livellamento estremo della globalizzazione, ridando luce e voce alle tante bellissime sfumature del nostro dialetto, attraverso la scoperta o la riscoperta dei nostri Poeti Dialettali.

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.