Ricurde de paese

1
2

Poesia di Rodrigo Cieri [1]

Celenza s.T., Piazza del Popolo, Anni ‟30

Ricurde de paese

E sempre ride ‟n core lu paese
appena lu ricorde fa pressione
finanche se la mente šta ‟mpegnate
a corre appresse a le penzire amare.
Me ferme a la casette addò so‟ nate
nche la fineštre aperte a la vallate,
addò lu prime sole la matine
me dave lu salute e la speranze.
Lu fišche de la vòire de la notte
che me faceve štregne a le cuperte
metteve la paure de la vite.
Lu sole a la muntagne de la Torre
culurave le pince de le case

traminte accumpagnave lu puštale
che vedavamme scegne a zig e zag.
Superbie a štà‟ ddù passe da la piazze
unive a le cumpigne spensierate
la vojje de iucà‟ a scunnarelle
oppure a cacce tucce e la barielle.
Le cugne de lu Corse e Portapide
penzive a nu paese puverelle

che po‟ à fatte pošte a lu cemente
oppure a lu catrame tutte nere.
E quešte nen me leve da la mente!

Vasto, 21 maggio 2010

 

Ricordi di paese

E sempre ride in cuore il paese
appena il ricordo fa pressione
finanche se la mente è impegnata
a correre appresso a pensieri amari.
Mi fermo alla casetta dove sono nato
con la finestra aperta alla vallata,
dove il primo sole la mattina
mi dava il saluto e la speranza.
Il fischio della bora della notte
che mi faceva stringere alle coperte
metteva la paura della vita.
Il sole sulla montagna di Torrebruna
colorava i tetti delle case
mentre accompagnava il postale
che vedevamo scendere a zig zag.
Superbia sta a due passi dalla piazza
univa ai compagni spensierati
la voglia di giocare a nascondino
oppure a “cacce tucce e la bariella”.
Con le pietre per il Corso e Porta da Piedi
pensavi a un paese poverello
che poi han ceduto il posto al cemento
oppure al catrame tutto nero.
E questo non mi tolgo dalla mente!

 

___________________________________________
[1] Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine 

 

1 COMMENTO

  1. Bella poesia, con qualche nostalgia ed amarezza iniziale e un po’ di tristezza finale -per le pietre sostituite dal catrame—una spina nel tuo fianco da sempre Rodrigo!…
    Ma io rivedo con piacere un ragazzino svelto, che gioca spensierato a nascondino, a cacce,tucce e la barrielle… Era l’età in cui ti ho conosciuto, al mio paese ….senza l’opportunità di rincontrarci…per sapere che cos’è “ cacce tucce e barrielle” …
    Un gioco prettamente maschile, di QUEL TEMPO!?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here