Re Piesche scta murenne Pescopennataro sta morendo

0
293

di Angelomaria Di Tullio

Re Piesche scta murenne

Se ne gire te fià pe re paese
 t’accuorge ca ce stiane poche perzone.
De vierne può, specie la sera tardi
o la matina prieste, tu  nen truove anema vive.
Quase tutte le case sò disabbedate
‘c finestre e purtone bene accustate.
Due e tre luce appecciate qua e là
poche  cemenere caccene  fume.
Nen ze videne uagliune che iocane pe la via
ma sultante anemale sperdute
e quacche vecchiarielle assettate a la panchina.
Che desolazione : nen ce remaste chiù nesciune.
Re paese è state abbandonate!
Pure la chiesa che prima s’enghieva de gente devota
mò è deserta ‘c poche perzone.
Ze ne sò tutte iute pe lavore, ‘n cerca de fortuna,
lassanne ammarunite re paese e re pariente.
Me chiagne re core pè quante dolore sta vista me dà.
De sabbete, le feste e l’estate la gente è chiù numerosa
ma  n’ abbasta pe tenè tutte l’anne ‘n vita re paese.
La sufferenza è tanta e re Piesche sta murenne.
Nu vulemme ca le cose jina cagnià ‘ c re lavore e la  fortune.
Ma se chisse nun succede, com’ è quase secure,
a breve tiempe de re Piesche nen resterà chiù niente!
Tu Pesculane, anziane o giovane, che  stià  a  vive luntane
penza a re paese ‘c  t’ha generate
e se siente nustalgie de le bene perdute
arreviè… pe tenè l’amore sempe vecine a tè !
N’attività, vulenne,  la può sempe truvà
pecchè re Piesche… nen to vò mià lassà !

Pescopennataro sta morendo

Se un giro ti fai nel paese,/ ti accorgi che ci sono poche persone./D’inverno, poi, specialmente la sera tardi o la mattina presto,/ tu non trovi anima viva./ Quasi tutte le case sono disabitate/ con finestre e portoni ben serrati./ Due o tre luci accese qua e là/ pochi camini emanano fumo./ Non si vedono ragazzi che giocano per strada/ ma soltanto animali sperduti/ e qualche vecchio seduto sulla panchina./ Che desolazione: non c’è rimasto più nessuno./ Il paese è stato abbandonato! Anche la Chiesa che prima si riempiva di gente devota/ ora è deserta con poche persone./ Sono tutti andati via per lavoro, in cerca di fortuna,/ lasciando il paese ed i parenti./ Mi piange il cuore per quanto dolore questa vista mi dà./ Di sabato, durante le feste e nell’estate la gente è più numerosa/ ma ciò non basta per tenere tutto l’anno in vita il paese./ La sofferenza è tanta e Pescopennataro sta morendo./ Noi vogliamo che le cose debbano mutare con il lavoro e la fortuna./ Ma se questo non succede, com’è quasi sicuro,/ a breve tempo, di Pescopennataro non resterà più nulla!/ Tu Pescolano, anziano o giovane,che stai a vivere lontano/ pensa al paese che ti ha generato/ e se senti nostalgia del bene perduto/ ritorna… per tenere l’amore sempre vicino a te!/Un’attività ,volendo, la puoi sempre trovare, perché Pescopennataro…non ti vuol mai lasciare!


Copyright: Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.