Re jette – I gatti

6
775

Gustavo Tempesta Petresine

gatto

Re jette

Re jètte aspèttene ‘na
sfriscca de sole
pe je sctennènnese a ppéte de ‘ne raje.
Z’allìscene la faccia e z’accarezzene

quanda re juòrne te sciùvra dalle miène.

Tiéne déndre alla coccia mille sctélle;
trapùndene la notte d’uocchie gialle.
Allùmena la vita de chi è suòle
‘na cuccelétta ca attorne va scamànne.

Z’accuzzene a ‘ne scesciuà de viende
e ze ne scappene
quanda lamba e ‘ndona

Re jètte, dice: tiéne nove vite;
e je de chélle ne vulésse una
p’attarallàrme da matìna a sera;

‘ngime a ‘ne crulle tunne, musce e mulle

I gatti

I gatti aspettano uno spicchio di sole
per stiracchiarsi ai piedi di un raggio.
Si lisciano la faccia e si accarezzano

quando il tuo giorno sfugge dalle mani

Hanno dentro la testa mille stelle.
Trapuntano la notte di occhi gialli.
Illumina la vita di chi è solo
una testina che va miagolando.

Si accucciano a un soffiare di vento
correndo via
quando lampeggia e tuona

I gatti, dice: hanno nove vite;
e io di quelle ne bramerei una;
aggrovigliandomi da mattina a sera

sopra un cuscino tondo, soffice e morbido

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

6 Commenti

  1. Molto più bella nel nostro , un pò difficile per chi non conosce il . Anche a me che l’ho quasi del tutto dimenticato, ma con un pò di buona volontà sono riuscito a ricostruirlo attraverso le sonorità del nostro dialetto e goderne quindi il sentimento e il significato. Grazie Gustavo. Mario Litterio

  2. Al mio paese i gatti hanno SETE vite non NOVE …si vede che sono di razza meno longeva!
    Tutti nei paesi posseggono uno due o più gatti e senò i topi chi li tiene lontani? attualmente io ne ho due- neri come la fuliggine- che si stiracchiano, si raggomitolano sul cuscino, scappano ai lampi e ai fuochi degli spari della festa e miagolano simpaticamente x stimolare la mia prodigalità! E che dire delle fusa dopo? sono un amore! ma tutto questo, caro poeta lo hai detto coi tuoi versi veri e concreti e tanto belli, che il mio commento sfigura al confronto.
    Perciò SE VUOI PUOI OZIARE, MA NON TROPPO, SCRIVI POESIE; anche stando aggrovigliato su un morbido cuscino esse saranno sempre accattivanti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.