R’ Uost di Giovanni Della Croce di Vastogirardi

0
490

Questo è Vastogirardi di una volta,
Questo è Vastogirardi di sempre,
Questo è Vastogirardi che io porto dentro.

Una passeggiata verso il basso ,
una risalita sul castello
e mi sento come un uccello
fresco e libero di volare,

Vastogirardi Il Castello

Quattro chiacchiere con qualcuno
un bicchiere ed uno spuntino,
una guardata ad una ragazza
e mi sento come un re

Questo è Vastogirardi di una volta,
Questo è Vastogirardi di sempre,
Questo è Vastogirardi che io porto dentro.

Una camminata verso la pineta
una partita al campo sportivo,
e tu (giohi e) non bevi, senza prendertela,
siamo contenti senza far niente,

Il 2 luglio ed il giorno della scampagnata
il campionato e le votazioni,
poi cantiamo quattro canzoni,
uno per tutti e tutti per uno,

Questo è Vastogirardi di una volta,
Questo è Vastogirardi di sempre,
Questo è Vastogirardi che io porto dentro.

Nel quartiere della corte e vicino al lavatoio (pubblico)
in mezzo alla piazza (piazza Umberto I)
e nella ValleAntonina (piazza Vittorio Emanuele )
io mi prendo questa medicina
e mi sento come un re.

Campo lungo e Santa Maria
lo Sterparo e lo Spedaletto
è quello che vedo da sopra a questo tetto,
mi stringe il cuore e mi lascia senza parole.

Questo è Vastogirardi di una volta,
Questo è Vastogirardi di sempre,
Questo è Vastogirardi che io porto dentro.

.

.

NOTA di  Domenico Marchione

Tutti a Vastogirardi conosciamo Giovanni Della Croce: e il suo attaccamento al paese, ma non tutti, forse, conoscono questa sua passione.

Dopo l’infanzia al paese Giovanni “compie gli studi superiori presso il Liceo scientifico «T. Patini >> di Castel di Sangro (AQ).
È qui che nasce in lui l’amore per le Lettere e, in particolare, per la Poesia.
Nel 1974 si trasferisce a Napoli per completare gli studi e nel 1979 si laurea in Lingue e Civiltà Straniere Moderne presso l’Istituto Universitario Orientale. Inizia l’attività di docente di Lingua Francese, prima in alcuni Istituti privati, poi nella scuola pubblica.
Nel corso degli anni, si interessa di didattica e partecipa a numerose iniziative per conto del Ministero della Pubblica Istruzione, in Italia e all’estero. La pubblicazione, nel 1997, di un manuale scolastico (Le service de module en module) è il frutto dell’esperienza maturata e dell’arricchimento professionale registrato attraverso questo percorso formativo.
Ma è sempre vivo in lui il gusto dell’opera letteraria e poetica. Perciò legge ed approfondisce i classici che, più di altri, sembrano in grado di trasmettergli quei valori (l’amore, l’amicizia, il senso dell’appartenenza) che gli appaiono come irrinunciabili in un mondo che egli vede sempre più caotico e privo delle necessarie connotazioni caratterizzanti le epoche precedenti.”

E’ proprio grazie a questi suoi versi che scopriamo il vero Giovanni, i suoi sentimenti più veri, la profondità delle sue radici solide ed ancorate a valori universali come la famiglia, gli amici, il paese che lui canta non solo in versi, ma anche in componimenti musicali come R’ Uosct.

 

“pubblicato su http://www.vastogirardiefriends.it su gentile concessione di Domenico Marchione.

…………………………

Se, in alto sulla sinistra, cliccate su mi piace, l’articolo verrà da Voi condiviso sulla Vostra pagina Facebook o Twitter. Se cliccate su uno dei simboli in alto a destra sarete indirizzati alle pagine ALMOSAVA di Facebook o Twitter. Se cercate un articolo particolare riferito a persona, fatto o altro, cliccate sul tasto TAG posto in testa alla colonna di destra; si aprirà una finestra con tutti i riferimenti possibili e immaginabili

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.