Primi passi istituzionali dell’ALMOSAVA – Incontro con la Regione Molise

2
581

di Enzo C. Delli Quadri

Ieri sera a Campobasso sono accadute 2 cose importanti per il prosieguo delle attività di ALMOSAVA.

  1. La Regione Molise ha riconosciuto la validità del progetto ALMOSAVA
  2. Al tavolo della riunione con la Regione, l’ Associazione Almosava era fortemente rappresentativa;  erano presenti, infatti, i rappresentanti di tutte le aree dell’ALMOSAVA (Alto Molise Alto e Medio Sangro Alto Vastese e Bacino del Trigno sia della sponda destra che di quella di sinistra)

 

Verbale della Riunione Regione Molise – ALMOSAVA
Campobasso 7 giugno 2012, ore 17.30

Sono presenti

per la Regione Molise

  • Chieffo Antonio, Assessore Regionale agli Enti Locali
  • Della Torre Lucio

per ALMOSAVA

  • Delli Quadri Enzo. Carmine, Presidente Almosava
  • Patitucci Enzo , Presidente della Comunità Montana Alto Sangro e Altopiano delle Cinque Miglia
  • Scopino Arturo, Presidente della Comunità Montana del Medio Sangro e Alto Vastese, presente per delega data a Nicola Tarantini, Sindaco di Pizzoferrato
  • Litterio Domenicangelo, Sociologo Esperto di Problemi del Territorio.
  • Mendozzi Marco, Assessore al Bilancio Comune di Agnone su delega del Sindaco Michele Carosella
  • Santorelli Domenico, Vice Sindaco di Trivento
  • Tarantini Nicola, Sindaco di Pizzoferrato
  • Venosini Andrea, Sindaco di Celenza su Trigno

Dopo i convenevoli i Componenti della delegazione dell’ALMOSAVA riassumono i tratti distintivi della loro ASSOCIAZIONE:

ALMOSAVA è l’acronimo di ALTO MOLISE SANGRO VASTESE, territorio che coincide con la Diocesi di Trivento e, storicamente, con l’ Alto Sannio.

ALMOSAVA è nata a fronte del disastro demografico, patrimoniale, economico e morale che ha investito il territorio, in difesa, quindi, della Gente di Montagna, NON, in termini antipolitici, contro la COSTA o la  CASTA, ma contro i loro indiscussi privilegi.

ALMOSAVA si pone obbiettivi strategici quali il Riconoscimento di Territorio Omogeneo per il quale è doverosa una politica di fiscalità agevolata e burocrazia efficiente ed efficace; obiettivi programmatici di concorrenza territoriale, da raggiungere con progetti nazionali ed europei riguardanti la Sanità, i Poli Scolastici, La Banda Larga, le Aree Industriali e Artigianali, la Viabilità Stradale Ferroviaria, i Poli Sportivi, i Musei Naturalistici e  Archeologici; obiettivi di supporto agli Enti Locali per la Gestione Associata di funzioni e servizi, quali la Gestione Energetica, dei Rifiuti, dei Beni Pubblici, della Polizia locale, dell’Istruzione Pubblica, della Viabilità e dei Trasporti, dell’Ambiente, del Settore Sociale.

Viene, poi, precisato che ALMOSAVA intende muoversi non solo sul piano istituzionale regionale, ma anche su quello nazionale ed europeo.

Viene, quindi, comunicato che, per una migliore azione competitiva, Almosava si sdoppia in 2 Associazioni, una Culturale, denominata CAST ALMOSAVA aperta a cittadini ed enti, e l’altra Istituzionale, denominata ALTA ALMOSAVA, aperta a Comuni e Comunità Montane o Associazioni di Comuni. Entrambe le due associazioni sono in via di formalizzazione.

Infine i componenti precisano, meglio, le attese dell’ASSOCIAZIONE:

  1. Occorre che le regioni Molise e Abruzzo riconoscano formalmente che esiste un problema delle zone interne;
  2. occorre che Le Regioni Abruzzo e Molise, nell’approntare politiche economiche di intervento settoriale e programmatico, facciano monitoraggio e ascoltino le esigenze che provengo dal territorio e, quindi, anche da ALMOSAVA.
  3. occorre che non vengano posti ostacoli alle associazioni di Comuni appartenenti a Regioni diverse;
  4. ALMOSAVA si aspetta di essere presente al tavolo di concertazione che le Regioni, in applicazione della legge, stanno gestendo per il trasferimento di Funzioni dalle Provincie ai Comuni.;
  5. deve essere chiaro a tutti il divario di costi economici esistenti tra coloro che intendono continuare a vivere i montagna, con pochi sevizi, e coloro che vivono sulla Costa o nei Centri regionali o Provinciali e, ovviamente porvi rimedio;
  6. occorre che le Regioni favoriscano l’ interscambio tra i Comuni di confine per lo sviluppo turistico e ambientale.

La Regione Molise, attraverso il suo L’Assessore Antonio Chieffo, ha riconosciuto che le problematiche poste da ALMOSAVA e l’impostazione delle soluzioni da adottare, sono condivisibilissime; sono, quindi, da appoggiare e da sostenere.

Viene precisato che, in presenza di una situazione politica che deve chiarirsi nel prossimo futuro, dette problematiche e susseguenti impostazioni di soluzione è giusto che vengano verbalizzate perché, chiunque ricoprirà la carica di amministratore, dopo i chiarimenti amministrativi e politici, le tenga in debito conto.

E, ancora, c’è una fiscalità agevolata che può essere sicuramente gestita a livello regionale; me per quella nazionale sarà opportuno coinvolgere tutte le realtà delle zone interne appenniniche, perché il problema venga affrontato a livello nazionale ed europeo.

Infine c’è l’impegno della Regione a coinvolgere, nelle problematiche poste da ALMOSAVA, la Regione Abruzzo, il che potrebbe avvenire anche nei prossimi giorni, a secondo di come si svilupperà il processo di  chiarimento delle potestà regionali attuali.

2 Commenti

  1. Dott. Delli Quadri, Dott. Patitucci, bravi !  Così si procede: senza velleità ma con decisione, foss’ anche controcorrente.  In politica si vince giocando d’ anticipo. E cosa fatta capo ha.

    cordialità.

    Fernando Crociani Baglioni

    • Mi ricorda tanto l’inizio della lega nord e dei grillini,sono un po’ scettico per il concretizzarsi dell’idea… Troppi galli nel pollaio….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.