La prima lacrema d’ammore

1
1026

Poesia di Bruno Marinelli

uomo_piange

La prima lacrema d’ammore

All’mpruvvise se ‘ncontrane du sguarde
e dope s’arretornan a ‘ncuntrà,
‘na museca i’ sente dentr’allanema
e sembre ca pur’essa stà ‘scutà.
‘Nu sciate de parole doce doce
che du’ vocche vecine fanne ‘scì,
‘na mane che se stregne che ‘na mane,
‘na cuntentezza che sembre n’pò fenì.
Ma jere la so viste pe’ la vije
i camenanne ‘nsieme a ‘nu uaglione,
ievane a bracce comme ‘nnammurate
e m’ha sparate ’mpiette ‘nu cannone.
Però stu core mie nun s’è fermate,
me sente sule cresce ‘nu dulore.
‘Na lacrema da st’uocchie se n’è sciuta,
la prima ,vera, lacrema d’ammore.

La prima lacrima d’amore

All’improvviso s’incontrano due sguardi
e dopo tornano ad incontrarsi
una musica sento dentro l’anima
e sembra che anch’ella sta ascoltando.
Un dolce soffio di parole,
con due bocche vicine che dicono sì,
una mano che stringe un’altra mano,
un’allegria che pare non finire.
Ma ieri io l’ho vista per la via,
andar camminando con un ragazzo,
a braccetto andavano come innamorati,
e in petto si è scaricato un cannone.
Però il mio cuore non s’è fermato,
sento solo crescere un gran dolore,
Una lacrima da questi occhi se n’è uscita,
la prima, vera, lacrima d’amore.

 


Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

1 COMMENTO

  1. Ogni commento rovinerebbe l’incanto di questa POESIA, di questa ” prima vera lacrima d’amore” che è bella così, che è SCESA perché l’innocenza della giovinezza è fatta di abbracci e di lacrime!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.