Home / Cultura / Turismo in Altosannio / Itinerari / A Piedi / Per vicoli e porte – Trivento

Per vicoli e porte – Trivento

A cura di Enzo C. Delli Quadri,
con foto di Francesco Mattaioli, salvo la prima che è di Roberto Landi

0

1

2

3

4

5

6

7

8

9

12794426_10207576172981041_3482323377396941568_n

10.1

12809661_10207577538695183_5428304207355601522_n

12805728_10207577535775110_4232530939535173590_n

12803134_10207576700234222_6441989832013019286_n

12803058_10207576699954215_6742987805584596433_n

12794542_10207576700474228_1394367334441758944_n

12794639_10207576699394201_2354369246776666585_n

12795274_10207576698834187_4651658962106648828_n

12802798_10207577536015116_7428010636305489057_n

12745996_10207467986716452_6830617698761664948_n

12718067_10207576196661633_9106665157381452695_n

12321676_10207577539615206_8941182585970657890_n

3898_10207576698594181_5382978494060237186_n

10363635_10207576700834237_5304688241789492344_n

Parafrasando Pier Paolo Pasolini e Cesare Pavese

Un “vicolo”, col selciato sconnesso, è un’umile cosa. Una “porta”  dove quel vicolo conduce è quasi nulla. Sono cose semplici inserite in bastioni dal colore grigio. Nessuno può pensare di confrontarli con certe stupende opere d’arte della tradizione italiana ma nessuno può negare l’importanza di difendere queste umili cose perché scegliere di difendere vicoli e porte del proprio paese, il suo profilo, i suoi ricordi, significa difendere qualcosa che è opera del popolo, di un’intera storia del popolo. 

Tutti sono pronti a difendere un monumento, un campanile, un palazzo il cui valore storico è oramai assodato ma pochi si rendono conto che va difeso il passato senza nome, questo nostro passato popolare. Io ho scelto di farlo.

Peraltro, un paese ci vuole. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c’è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei, resta ad aspettarti.

Enzo C. Delli Quadri


EditingEnzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. VICOLI E PORTE Trivento non è il mio paese: ci sono stata due anni in collegio e quindi ricordo soprattutto la grande scalinata, ma anche alcuni vicoli; magnifiche foto: ognuna sembra, anzi è particolare e caratteristica. Senza l’amore e il legame quasi viscerale per la casetta o il vicolo che ci ha visto nascere e correre con incerte gambe non si spiegherebbe che ora da persone anziane (che pure abbiamo fatto dei “progressi”) torniamo con la memoria a quelle piccole realtà paesane non solo col pensiero, ma se possibile con tutto il nostro essere: anima e corpo. Si, perché vicoli e porte sono cari più o come un bel monumento a Dante, per chi non aveva nel proprio paese il monumento a Dante… Con enorme piacere perciò ho letto e gustato questo articolo di DELLI Quadri che in verità da un po’ di tempo seguo sempre su Fb e sempre commento…, specie la sezione delle poesie , che sono il mio debole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.