Ossa di lupi

2
626

di Duilio Martino [1]

cipressi innevati

Ossa di lupi

Trincea dura
presidiata da
logori soldati
è un fronte aperto sull’austere alture
sentinelle del tempo sugli antichi tratturi
manipolo d’eroi
senzienti capri predestinati

la retroguardia sacrificata
abbandonata in fondo alla pista
mentre le truppe marciano a conquista
di preziose derrate

siderali deserti
negli sguardi abbrumati d’orrendi esseri
mossi dal generale malessere
istinti predatori marcati

guardiani i vecchi
possenti querce svigorite
come rocce scavate e scolorite
sugli argini di fiumi secchi

soltanto ossa di lupi
all’ombra dei maestosi cipressi
zampe recise a morsi
serrate in rugginose tagliole
sacrificate alla prole
comunque poi migrata a nutrir se stessa

_________________________
[1] Duilio MartinoAbruzzese di Fraine (CH), ha sempre coltivato la passione per la sua terra di origine e per l’arte, in primis la poesia, alla quale ha dedicato una fetta importante della sua vita.

[divider] Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine [divider]

 

2 Commenti

  1. Questo i nostri avi hanno fatto per consegnarci una terra libera. Se non cambiamo il nostro modo di pensare individualistico crescendo e abbracciando con nostra mente tutto un territorio, saremo dei figli ingrati incapaci di far fruttare i talenti di una terra severa e generosa al tempo stesso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.