Home / Cultura / Cultura Popolare / ‘Nu Suonne

‘Nu Suonne

Poesia di Bruno Marinelli [1]

'nu suonne natale‘Nu Suonne

Ce sta ‘na cuntentezza tutt’attuorne
quand’è Natale a ru paese mije:
d’albere ‘llumenate s’arregne,
de gente che camina pe’ la vije.
Dentr’alla chiazza ce sta ru presepie,
le bancarelle vinnene pasture,
le case se so tutte arrevestute
de luce, de pallucce e de culure.
‘Na museca i’ sente da luntane,
che bieglie ch’è ‘stu suone de zampogne
che me va nazzecanne chiane chiane
e che me porte, ‘mpruvvise, la cecagne.
‘N’suonne me ve’ ‘nu vove e ‘n’asinelle,
‘na grotte addeventata ‘na capanna,
Giuseppe che se uarda ru nennille
che, ‘nfreddulite, sta ‘mbraccie alla mamma.
E ‘n’angele che vola e va decenne :
“Gesù è menute e porte la speranza”
ma tutte quante vanne pe’ puteche
chi pense a re rijale e chi alla panza.
“Gesù è menute pe’ purtà l’amore
se farà accide pe’ salvà la gente”
Ma tutte quante vanne pe puteche,
nisciune che ru vede né ru sente.

Un sogno

C’è tutto intorno una contentezza
quand’è Natale al mio paese:
di alberi illuminati si riempie,
di gente che cammina per la strada.
Al centro della piazza c’è il presepe,
le bancarelle vendono pastori,
le case si son tutte rivestite
di luci, palline e di colori.
Una musica si sente da lontano,
che bello che è ‘sto suono di zampogne
che va cullandomi pian piano
e che mi porta, all’improvviso, una sonnolenza.
In sonno arrivano un bue e un asinello,
una grotta diventata una capanna,
Giuseppe che ammira un bambinello
che, infreddolito, sta in braccio alla mamma.
E un angelo che vola e va dicendo:
“Gesù è venuto e porta speranza”,
ma tutti quanti vanno per negozi
chi pensa ai regali e chi alla pancia.
“Gesù è venuto per portare amore
si farà uccidere per salvar a gente”.
Ma tutti quanti vanno per negozi,
nessuno che lo veda o che lo senta.

 

_______________________________
[1] Bruno Marinelli, molisano di Rionero Sannitico, costretto ad abbandonare gli studi universitari per dedicarsi al lavoro in banca, ha operato nel sindacato, senza mai abbandonare la sua passione per la poesia dialettale

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine 

 

About Bruno Marinelli

Bruno Marinelli, molisano di Rionero Sannitico, costretto ad abbandonare gli studi universitari per dedicarsi al lavoro in banca, ha operato nel sindacato, senza mai abbandonare la sua passione per la poesia dialettale.

2 commenti

  1. Difficile sfuggire alla melodia del suono delle zampogne, specie quanti le hanno conosciute” da bambini, come te, di sicuro Bruno.
    Ma quest’anno tu devi essere “vigile”, non puoi addormentarti; al loro suono devi cullare la dolce nipotina, che scalderai tra le tue braccia…
    E sarete felici! BUON NATALE.

  2. Bruno, i versi da soli sono una melodia. Bellissima e dolcissima.

Rispondi a MARISA GALLO Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.