Nnanze a San Donato

0
3

Poesia di Rodrigo Cieri [1]
tratta dal suo libro “Memoria è Anima”
Campobasso 2017.

Nnanze a San Donato

«E la mane de San Donate è piena
de grazia e di bontà!»
lu cante annalze mo lu pellegrine
mentre la file avanze a salutà.
la statue de lu Sante e po’ z’inchine.
Nu segne de la croce pe‟ salute,
lu tocche de la mane,
n’impegne ognune lasse e na prehiere
e porte la speranze de na grazie.
Lu Sante è potente e po iutà‟
pecché de grazie à fatte sempre tante
e sempre la bontà à dimostrate.

Celenza sul Trigno, 7 agosto 2009

Davanti a San Donato

«E la mano di San Donato è piena
di grazia e di bontà!»
il canto intona ora il pellegrino
mentre la fila avanza per salutare
la statua del Santo e poi s’inchina.
Un segno della croce per saluto,
il tocco della mano,
un impegno ognuno lascia e una preghiera
e porta la speranza di una grazia.
Il Santo è potente e può aiutare
perché di grazie ha fatto sempre tante
e sempre la bontà ha dimostrato

 


[1] Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here