Home / Cultura / Cultura Popolare / Canzoni e Filastrocche / Ninne Nanne dell’Altosannio

Ninne Nanne dell’Altosannio

a cura di Paola Giaccio [1]

Ninna Nanna 2

Fa scì la lune

Fa scì la lune e ‘ffa cuprì lu sole,
famm’addurmì, Madonne, stu fijole:
falle mette ‘nghe ‘llangele ‘ngammine
pe’ ‘lluorte de lu ciele e li ciardine.
Bella Madonne, po’ gna l’aresvije,
fajje ride dù stelle tra li cije.

Nu vèle d’ore se spanne,
è tutte fiure lu monne….
Ninna-nanne!
Pace e sonne! 


Nonna Nonnarella

Nonna nonna nonna nonnarella
lu lupe z’è magnate la pecurella
ze l’è magnate cu’ tutte la lana
povera pecurella comme bràma! 

Ninna Nanna 1

Ninna nanna,ninna oh

Ninna nanna,ninna oh
questo bimbo a chi lo do’?
Se lo do’ alla befana
se lo tiene una settimana;
se lo do’ all’uomo nero
se lo tiene un mese intero;
se lo tiene la sua mamma
che lo tiene tutto l’anno.
Ninna nanna, ninna oh
questo bimbo non lo do’! 

Ma la ninna nanna più bella è comunque l’abbraccio sereno e rassicurante della propria mamma…


[1] Paola Giaccio, Molisana di Agnone, libera professionista, ama profondamente la sua terra d’origine e ad essa dedica tempo e risorse, per divulgarne la bellezza.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine 

About Paola Giaccio

Paola Giaccio, Molisana di Agnone, libera professionista, ama profondamente la sua terra d'origine e ad essa dedica tempo e risorse, per divulgarne la bellezza.

Un commento

  1. Flora Delli Quadri

    Quello della pecorella continuava così:

    Se l’ha magnata e nen ze l’ha fenuta
    povera pecurella che c’ha ammattut.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.