‘Ne frusce d’ale – Un fruscìo d’ali

2
819

Poesia di Gustavo Tempesta Petresine

faggeta 2

Il faggio (Fagus sylvatica, in dialetto fajone) è un grande albero, alto fino 40 metri, che forma boschi stupendi. Le faggete colonizzano la maggior parte delle colline più elevate del nostro paese. Così, quando compaiono i faggi, si sente l’aria diventare più fresca e frizzante,  e si comincia a respirare l’odore di montagna pura. Il tronco del faggio è liscio, con macchie grigio argentate, le prime foglie sono di un verde tenero e lucido, poi diventano verde scuro. Il legno è forte e prezioso. Il frutto, faggiola o fasola o fasa o faggioli – fasciulìtte – nei vari dialetti, è una piccola noce triangolare di sapore gradevole. E’ racchiusa in un involucro duro, che non punge, ma assomiglia un po’ al riccio del castagno.

‘Ne frusce d’ale

Atturteruàte sotte arre fajone
addùnna l’ombra spanne ‘ne lenzuòre,
‘na fenza d’erva fresca, terra e addòre,
me tègne de ‘ne verde frische e gaje.

 -Uàrde re fasciulìtte appìse ‘ngìme-
Ze viène tréttécanne e sctiène appìse
e ze mandiénene forte a chille frasche,
può ze ne caschene senza ‘na raggione

Viène gerènne ze pòsene e arrevòlene.
‘Gnà fùssere farfalle appena nate
viene zelluànne ‘ngìme a ogne sciòre.

E viene fruscejènne, e ascì z’angàppene.
La sera può z’adduòrmene, e ne siène
ca quìlle frùsce d’ale nasce e mòre.

faggi43

Un fruscìo d’ali

Abbandonandomi sotto questo faggio
dove l’ombra spande un suo lenzuolo,
un letto d’erba fresca e odorosa
mi tinge di un verde lieto e gaio.

– Guardo i faggioli appesi al ramo –
Vanno tentennando e stanno appesi,
e si tengono forte a quelle frasche
per poi cadere senza una ragione.

Vanno girando, si posano e rivolano.
Come fossero farfalle appena nate
vanno giocando sopra  ogni fiore.

Vanno frusciando e  così si acchiappano.
La sera si addormentano e non sanno
che quel fruscìo d’ali nasce e muore.

___________________________
[1] Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti. Il suo lavoro più bello: il libro di poesie “Ne Cande”

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine 

2 Commenti

  1. LA POESIA TUA, CARO POETA TEMPESTA, crea sempre una lieve tempesta di sensazioni nell’ animo dei lettori: letizia e abbandono, forza e tentennamento, nascita e morte di foglie, come di sentimenti… Complimenti e….osserva e scrivi ancora.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.