‘Ne candòne. – Un masso

0
1226

 Poesia di Gustavo Tempesta Petresine [1]

masso

‘Ne  candòne

Derrebbuàte sotte alla mundàgna,
te siè ‘ngacannàte fra rocchie e spìne
chi ‘gné ‘ne ‘mbriacòne sciùte dalla candìna.

Sctiè zitte e zote, ne fiè male a nescìune.
Ne siè chi gne la gende ca sctà ‘mmiezze,
e rombe notte e juorne re cugliùne.

N’dé vé allerìa, péna e despéraziòne.
Tu ‘ne capìsce niénde:
siè suòle ‘ne candòne.

Un masso

Dirupato ai piedi della montagna
ti sei sbracato fra rovi e spine
come un ubriaco uscito dall’osteria.

Non parli, sei discreto
non fai male a nessuno.
Non sei come le persone
che rompono le scatole.

Non piangi, non ridi,
provi: nè  pena nè disperazione.  
Non puoi capire niente.
Sei solo un duro sasso.

________________________
[1] Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti. Il suo lavoro più bello: il libro di poesie “Ne Cande”

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.