Natale – Poesia

0
787

di Tiberio La Rocca [1]

presepe-1

Natale

Cagnètte le destine de le munne,
na fredda notte de tant’enne fa
menètte Criste n-cima a chesta terra,
menètte a pertà pace gna ze sa.

Nascètte peverielle a na capanna,
nascètte pe campà senza peccate
senza vestite, gnè l’ulteme pezzente,
sole dall’anemele arrescallate.

Da culle iuorne tutte ze cagnètte,
le munne nen fu cchiù gna era prima
e pe trentenne iètte predecanne,
iètte decènne a tutte la dettrina.

Ienotte, ch’è la notte de Vegilia,
arecherdamme culle bambenielle
ianna a la messa, ecche vè Natale,
di tutte l’anne, le iuorne ch’è cchiù bielle.

 .

Natale 

Cambiò il destino del mondo,
una fredda notte di tant’anni fa
venne Gesù Cristo sulla terra,
venne a portare pace come noto.

Nacque poverello in una capanna,
nacque per vivere senza peccare
senza vestiti come l’ultimo pezzente,
scaldato dal fiato di due animali.

Da quel giorno tutto cambiò,
il mondo non fu più come prima
e per trent’anni andò predicando,
ad annunciare la buona novella.

Stanotte, è la vigilia di Natale,
ricordiamo la nascita del bambinello
andiamo a messa, sta arrivando Natale,
il giorno più bello dell’anno.

___________________________
[1] Tiberio La Rocca, Molisano di Poggio Sannita (IS), coltiva da sempre la passione per la poesia e in particolare per il dialetto di origine; ha pubblicato molte raccolte di poesie, con le quali ha ottenuto riconoscimenti e premi.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.