N’allucche – Un urlo

0
387

Poesia di Cosimo Savastano[1] 

Temporale-7-300x225

N’Allucche

Alla ‘ndrasatte ‘n ciele ce scurette
e che’ na botta jù re vuttelune
come crellà de vrite e de cumbiette
iettate a vranche ‘n miezze a re candune. 

E quande fu nu chiòvere appacate
na screiazzata a frunne de chiuppera
freiette all’aria pe’ n’urle straziate. 

N’ ce sa chi fu. Na risa de sammuche
sgrellate a viente doce, a prima sera,
doppe l’acquata de le ciammaruche.

Un urlo – All’improvviso in cielo si fece scuro / e con un momento giù i goccioloni / come scricchiolare di vetri e di confetti / gettati a piene mani in mezzo ai massi. // E quando fu un piovere pacato / una sferzata fra le fronde del pioppeto / stridette nell’aria per un urlo straziato. // Non si sa chi fu. Una risa di sambuco / sgorgò nel vento dolce, sul far della sera, / dopo la pioggia improvvisa di prima estate (l’acqua delle lumache). //

(Traduzione dell’autore). Da Nu parlà, zettenne

_____________________
[1]
Poeta in dialetto abruzzese, Cosimo Savastano è nato a Castel di Sangro nel 1939.
Ha pubblicato Che sarrà, Pescara, Tip. Ferretti, 1965; Amore, amore e parleme d’amore, Pescara, Ed. “Attraverso l’Abruzzo”, 1966, pref. Vittorio Clemente; Dénte a na scionna, Pescara, Ed. “Attraverso l’Abruzzo”, 1967, pref. Pasquale Scarpitti; Nu parlà zettenne, L’Aquila, Japadre Editore, 1982, pref. O. Giannangeli. Chi chiù – Poesie nell’antica lingua di Castel di Sangro, S. Atto, Edigrafital, 1994; Jummelle de parole, S. Atto, Edigrafital,  2000, intr. Umberto Russo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.