‘Na chianta d’ marene

5
2068

di BrunoMarinelli [1]

Albero di Amarene
Albero di Amarene

‘Na chianta d’ marene

Ce sta ‘na vecchia chianta d’ marene
e moglieme ce fa la ratafìa,
s’arrìvane le pene e re pensiere
bbasta ‘na stizza e torna l’allgrìa.
Te l’arrecuorde?, quande, …tiempe fa…
l’arraccuglìve, pe’ fa la r’cetta,
da sotte, ‘mbambalìte, i’ te uardave,
tu me decive : “Riegge la scaletta”.
‘Sta chianta fa marene da trent’anne,
ce stava già ch’ s’ive giuvencella,
d’ ‘stu ciardine si ‘ngora ‘nu sciore
e della vita meja… cosa chiù bella.
E se, d’ notte, quande tu t’adduorme,
stracca, ‘resciate chiane… chiane… chiane…,
i’, ch’a ‘na recchia nen ce sente bbuone,
treme e t’attente, m’piette, ch’ la mane.
E sole allora pozze piglià suonne,
ma dich’, sempre, ‘na prejera a Ddije,
…le sacce ch’ la dice pure tu…
però, prdoname, vogl’irmene prim’ie.
Pe’ te tenè ru poste che te tocca,
te voglie ‘spettà là, ‘mieze alle stelle,
e pe’ la gioja … ch’ qua nen te so’ date…
vederte luccecà chiss’uocchie belle.
Sarà ‘nu poche d’ malencunia,
o ch’ la giuvenezza n’ce sta chiù,
e, allora, pe’ levarce ‘ste pensiere,
‘nu po’ d’ ratafìa pe’ tutt’ e ddu’.

Una pianta di amarene

C’è una vecchia pianta di amarene
e mia moglie ci fa la ratafìa,
se arrivano le pene ed i pensieri
basta un goccino e torna l’allegria.
Te lo ricordi ?, quando,…tempo fa…
le raccoglievi per fare la ricetta,
da sotto, intontito, io ti guardavo,
tu mi dicevi : “Reggi la scaletta”,
Questa pianta fa amarene da trent’anni,
c’era già quand’eri giovincella,
di questo giardino sei ancora un fiore
e della vita mia…..cosa più bella.
E se, di notte, quando ti addormenti,
stanca, respiri piano…piano…piano,
io, che da un orecchio non sento bene,
tremo e ti tocco il petto con la mano.
E solo allora riesco a prendere sonno,
ma dico sempre una preghiera a Dio,
…lo so che la dici pure tu…
però, perdonami, voglio andarmene prima io.
Per tenerti il posto che ti compete,
ti voglio aspettare là, tra le stelle,
e per la gioia … che qua non ho saputo darti…
vederti brillare quegli occhi belli.
Sarà un poco di malinconia,
o che la giovinezza non c’è più,
e, allora, per toglierci questi pensieri,
un po’ di ratafìa per tutti e due.

_______________________________________
[1] Bruno Marinelli, molisano di Rionero Sannitico, costretto ad abbandonare gli studi universitari per dedicarsi al lavoro in banca, ha operato nel sindacato, senza mai abbandonare la sua passione per la poesia dialettale.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

5 Commenti

  1. Una dichiarazione d’amore così bella farebbe risvegliare qualunque amore assopito. Me la tengo stretta al cuore come se l’avessi fatta un pò anche a me. Grazie Bruno Marinelli

  2. Caro poeta Bruno Marinelli, dì un po’ : è abbastanza grande l’albero di amarene, per fare tanta ratafia?Sai un goccetto anche per gli amici, e scacciare la malinconia che a volte assale anche loro!? Si potrebbe brindare insieme, anche virtualmente contro il pensiero che assale, che -si sa- uno dei due di una coppia se ne va lassù tra le stelle, per andare a prendere il posto all’altro…Agro-dolce questa poesia come le amarene…CHE L’AGGIUNTA DELL’AMORE TRASFORMA IN LIQUOROSO NETTARE!

  3. Quel “proficiscor”, involontariamente incognito sono io; entrato non so come l’anno scorso e poi per fortuna sparito, non vale piùùùù! ma vale invece sempre la “tua”gentilezza galante ed amorosa per la dolce tua metà e per la frizzante ratafia…Bella poesia, che ogni anno si rinnova , cioè sembra nuova e gustosa come le nuove amarene…

  4. Che dire di Bruno Marinelli? E’ un vero poeta, questo è certo! Il vero poeta è colui che riesce a trasmettere le proprie emozioni nell’animo del lettore e Bruno con i suoi versi, scarni ed asciutti, riesce ad emozionarci. La conclusione, quindi, è che il Marinelli è un poeta, ma grande, degno figlio di questa terra sempre presente nel suo cuore e nella sua memoria!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.