“Muglièrema ha respuòste”, poesia di Luigi Antonio Trofa

0
832

a cura di Maria Delli Quadri[1]

LA GRANDE EMIGRAZIONE ha avuto come punto d’origine la diffusa povertà di vaste aree dell’Italia e la voglia di riscatto di intere fasce della popolazione nostrana.
Alla fine del 19° secolo e fino agli anni ’30 del XX  secolo, milioni e milioni di italiani espatriarono verso le Americhe (Stati Uniti, Argentina, Brasile) in cerca di fortuna. Si calcola  che circa 14 milioni di persone s’imbarcarono per terre lontane.
Interi paesi si spopolarono e nell’arco di circa 10 anni il numero degli italiani si dimezzò. All’interno di questo grande fenomeno biblico, si verificarono naturalmente piccoli drammi familiari,  abbandoni, solitudini, miraggi, a volte possibili, di ricchezza e di benessere
Oggi i discendenti degli antichi pionieri che si ritrovano magari un cognome italiano, vanno alla ricerca delle loro radici.
Spesso le trovano.

Questa poesia, opera del poeta/giornalista Luigi Antonio Trofa*, è il seguito dell’altra “Mariteme m’ha scritte”, già pubblicata su www.Altosannio.it/. 

MUGLIERÈMA HA RESPUÒST

muglierema

Carìsseme Dumìneche,
rispònde alla tua cara,
ca pure la cummàra
te mànn’a salutà.
Me pare miéze sècule
da quanne scié partùte,
mo cònte ri menùte
pe’ te puté abbraccià!

Carissimo Domenico,
rispondo alla tua cara,
ché pure la comare
ti manda a salutar.
Mi sembra mezzo secolo
da quando sei partito,
e già non vedo l’ora
di averti a riabbracciar!

nostalgia1

Chélla ch’è ‘nzuppurtàbbela,
Dumìneche, è la notte…
Penz’a le capelòtte
Che faciavàme nu’.
Mo vòtete e revòtete,
j’ nen te tròve cchiù,
e pènze: mo chi sa
Dumìneche che fa!

Quella ch’è insopportabile
Domenico, è la notte…
ripenso alle capriole
fatte tra me e te.
Mo, voltati e rivoltati,
io non ti trovo più,
e penso: ora chi sa
Domenico che fa!

bimbo

Ru ceterille màschere
sta pe’ spuntà ri diénte,
che péne e che trumiénte,
che chiàgne che ze fa…
Ssa mmaledétta ‘Mèreca
jè ppèje de le ‘mbèrne,
prèg’a ru patratèrne,
Dumi’ ‘nte ‘mbriacà

C’è che al bambino mascolo
stanno spuntando i denti,
che pena e che tormento,
che pianto che si fa!…
La maledetta America
è peggio dell’inferno,
ma prega il padreterno,
Dumì, non t’ubriacar!

belzebu

Chélla ch’è ‘nzuppurtàbbela,
Dumìneche, è la notte…
te chiame e nen m’abbòtte
de chiamà sèmp’a tté;
me sonne cose stròbbele,
strappìcce, maramé,
jnòtte j  me sò
sunnàte a ru popò!

Quella ch’è insopportabile,
Domenico, è la notte…
ti chiamo e non mi sazio
di sempre chiamar te;
mi sogno cose strane
ed assai brutte, ahimé
stanotte, su per giù
ho visto belzebù!

PARIS - PROSTITUEES DU SPHINX

Dumì, fa l’òme, addòsera,
la sera, quann’è scùre
vattenne, mùre mùre,
fa cunte ca ‘nge sta.
Attiénte a chésse fémmene,
‘sse bbrùtte bbesenìsse,
se siénte… pìsse… pìsse
t’avìscia rrevutà!

Dumì, fai l’uomo, ascoltami,
la sera quand’è scuro,
sparisci muro muro
come non fossi là.
Bada a codeste femmine,
son tutte per l’affare (business= affare)
se senti …pìsse…pìsse
ti avessi tu a voltar!

images

Chella ch’è ‘nzuppurtàbbela,
Dumìneche, è la nòtte…
ru cape mié è na votte,
me volle comm’a cché…
Me ze ne vò scì l’àlema,
che fuòche bbène mié…
allora llà pe’ llà,
me vularrìa ‘mbarcà!

Quella ch’è insopportabile
Domenico, è la notte…
la testa è ormai una botte
che bolle sempre più…
Già se ne vola l’anima,
che fuoco, caro  ben,
allora là per là
io mi vorrei imbarcar!

*Luigi Antonio Trofa è un esponente singolare della storia letteraria molisana. Nato a Ferrazzano (Campobasso) nel 1879 e morto nel 1936, ha utilizzato il dialetto del suo paese come strumento di espressione poetica. I suoi  versi, ironici e dissacranti, rappresentano una vera e propria incursione nell’arte e nelle varie manifestazioni di vita locale che osserva e descrive con un linguaggio assolutamente nuovo, libero di fronzoli retorici, con l’intento di catturare l’autentica “coscienza dialettale ” del popolo. Le sue opere in dialetto sono stati raccolte nel volume postumo, dal titolo “Pampuglie”, che vuol dire “trucioli”, edito nel 1973.

__________________________________

[1] Maria Delli Quadri: Molisana di Agnone (IS), prof.ssa di Lettere, oggi in pensione. Ama la musica, la lettura e l’espressione scritta dei suoi sentimenti. In questa rubrica Maria volge lo sguardo sul mondo almosaviano e nascono pensieri e ricordi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.