MOTUCIPA e la Civiltà Pastorale, il 2 di agosto 2015 , a Capracotta

0
1155

a cura di Enzo C. Delli Quadri

La Pastorizia 1

La pastorizia consente agli animali di nutrirsi, muovendosi in un ambiente naturale, e non con risorse dell’allevatore.

Aveva un ruolo centrale nelle economie e nelle società del passato. In Italia, dal secondo decennio del Novecento, le dimensioni degli allevamenti bradi cominciarono progressivamente a diminuire; tuttavia, dopo mezzo secolo di progressiva riduzione, vi è stata una inversione di tendenza. Mentre alla fine degli anni ’70 si considerava un fenomeno destinato a scomparire, legato allo sottosviluppo, oggi la pastorizia ha riacquistato una certa importanza anche in alcune aree moderne dell’Occidente. Stando alle rilevazioni effettuate alla fine degli anni ’90, in Italia, il numero dei capi di bestiame è aumentato notevolmente: rispetto agli anni ’70 il numero di pecore, ad esempio, ha registrato un aumento del 40%, passando da 7 a quasi 11 milioni di esemplari.

L’uomo che permette questa attività è il Pastore: è lui che instaura una forte simbiosi con gli animali, che si occupa di loro a tempo pieno, non limitandosi ad accompagnarli al pascolo, ma fornendo loro protezione dai predatori, cure sanitarie, assistenza durante il parto ecc… Ed è sempre lui, nella maggior parte di casi, che provvede alla trasformazione dei prodotti (dalla tosatura della lana alla produzione del formaggio).

La Pastorizia 2

In questa sua attività il Pastore è aiutato e protetto dal Cane Pastore.

La Pastorizia 4

Una delle più antiche tradizioni legate alla pastorizia è la Transumanza, ossia l’uso di spostare le greggi verso le montagne in estate e verso valle in inverno, spesso spostandosi a piedi per centinaia di chilometri (anche se oggigiorno, specie nei paesi occidentali, si ricorre spesso al trasporto con automezzi, limitando gli spostamenti a piedi a minimi tratti difficilmente praticabili in altro modo nelle parti iniziale e finale del percorso).

MO.TU.CI.P.A . (MOvimento di TUtela della CIviltà Pastorale Abruzzese) manifesterà, con i Cani Pastori Abruzzesi, nei luoghi propri della pastorizia e della Transumanza, a Capracotta, Prato Gentile, domenica 2 Agosto 2015.

Lo scopo della manifestazione è anche quello di una certa rivendicazione della razza dei Cani Pastore per tutti gli Abruzzi Storici (Abruzzo e Alto Molise).

 

https://www.facebook.com/events/1594570864127345/

______________________
fonte Wikipedia

[divider] Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine [divider]

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.