Montefalcone nel Sannio

0
775

 

di Marisa Gallo [1]

Montefalcone-nel-Sannio-OK-copia-695x340

 

Paese Mio – ieri e oggi – e domani?

   Strette intorno alla chiesa e al campanile,
dove risuonan le campane a festa,
aggrappate alla montagna, dai tetti
scuri stan le vecchie case di pietra. 

   Numerosi scalini ove la pioggia
rovinosa precipita e veloce:
ricordo indelebile da bambina
d’un temporale estivo e l’acqua alta.

   La piccola piazza una volta invasa
dal profumo di sedano e finocchio
appena colti, e l’acqua cristallina
dalla montagna fresca e dissetante. 

Sempre al dolore e all’amor coniugando
tanto lavoro e fatica gli anziani ,
con opere di studio e carità
al paese han dato lustro e vigore.  

   Ma dal monte or più non vola il falcone:
sulla valle del Trigno alto si libra
colorato e grande il parapendio,
di forza giovane segno moderno. 

Del bel canto amanti anche i Toma Toma
d’ allegria empiono i cuori e di gioia,
spesso alle feste, all’estero o in paese:
folklore, balli e antiche melodie.

Ma… gnè ere bbelle quande uagliune
ijavame ‘n gire fine a ventun’ore,
sicure da lu macchie[2] a lu Cummiente[3],
o da la siberie[4] a la calecàre[5]

 

___________________________________
[1] Marisa Gallo, molisana di Montefalcone nel Sannio, insegnante, amante e cultrice della Poesia, più per hobby che per professione, impegnata a restare al passo dei tempi, ma con animo caldo, non sclerotizzato dai media aggressivi.
[2] Lu macchie – la montagna, parte alta del paese
[3] lu cummiente – il convento – parte bassa
[4] la siberie – la parte nord del paese
[5] la calecare – la parte verso verso s-o

[divider] Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri [divider]

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.