Home / Cultura / Cultura Popolare / Canzoni e Filastrocche / “Mariteme m’ha scritte”, poesia di Luigi Trofa

“Mariteme m’ha scritte”, poesia di Luigi Trofa

a cura di Maria Delli Quadri [1]

lapideLuigi Antonio Trofa è un esponente singolare della storia letteraria molisana. Nato a Ferrazzano (Campobasso) nel 1879 e morto nel 1936, ha utilizzato il dialetto del suo paese come strumento di espressione poetica. I suoi  versi, ironici e dissacranti, rappresentano una vera e propria incursione nell’arte e nelle varie manifestazioni di vita locale che osserva e descrive con un linguaggio assolutamente nuovo, libero da fronzoli retorici, con l’intento di catturare l’autentica “coscienza dialettale ” del popolo. Le sue opere in dialetto sono state raccolte nel volume postumo, dal titolo “Pampuglie”, che vuol dire “trucioli”, edito nel 1973.
Nel centro del paese, in piazza Spensieri , si legge una targa a lui dedicata:
Su questo ameno poggio
si soffermò sovente per ispirarsi all’orizzonte
immenso, pieno di ali il poeta e narratore
Luigi Antonio Trofa che con la
magia dei suoi scritti, fece un soave vivente ritratto
di questi luoghi e della nostra gente.

Pubblichiamo qui la prima parte della divertente parodia, in forma epistolare, dello scambio di informazioni tra il marito emigrato in America del Nord e la moglie rimasta in paese. A questa poesia farà seguito l’altra “Muglièrema ha respuòste“.

MARITEME M’HA SCRITTE

treni4

Carìssema Tresàngela,
sòng’arrivato bbène;
madonna e quanta trène
ce stanne a’sta cità.
Le càsere so àvete
comm’a ru campanàre,
la ggiòbba ru cumpàre
me l’à truàta ggià…

Carissima Tresangela
sona rrivato bene;
madonna! quanti treni
stanno in questa città!
Le case sono altissime
come  un campanile,
la “giobba” il mio compare (giobba= lavoro)
me l’ha trovata già

brooklin

Ma chélla ch’ è terribbéla,
Tresàngela, è la lénga!
Qua, une che scellenga
ze dice ca: nò stén…
So’ uomméne le fémmene,
ri màschere so’ mèn,
e yes, a Brucchelì
Segnìfeca: pe’ scì

Ma quella ch’è terribile,
Tresangela, è la lingua!
Se uno qua s’imbroglia
Gli dicono”no sten” (no sten= non capisce)
Son uòmmene le femmine, (women=donna)
i maschi sono “men” ( men=uomo)
e yès, a Brucchelì ( “sì” a Brooklyn)
vuol dire appena: sì!

proibiz

Diécche pe’ ru devìvere
ze passa bunariélle
però ru zanzaniélle
è assutte comm’a ché…
Qua la bevanda ‘còlica
nesciùne la pò venne…
Ce crìde tù?… Vatténne,
so’ chìacchiere, Tresé.

Or qui, riguardo ai viveri,
si campa per benino,
però ‘sto gargarozzo
è asciutto sempre più…
Qua la bevanda alcolica
nessuno la può vender….
Ci credi tu?… Ma scherzi!
son chiacchiere, Tresè…

signorina

Ma chélla ch’è terribbéla,
Tresàngela, è la lénga!
Se truòve a chi t’anzénga
cumiénz’a ggastemà.
T’ammàtte che ‘na ggiòvena,
*sciacchènza siente fa…
*natìnga, a Bufalò*
segnìfica: pe’nno!

Ma quella ch’è terribile,
Tresangela, è la lingua!
Se trovi chi t’insegna,
cominci a bestemmiar…
T’imbatti in una giovane,
“sciacchenza” senti dir… 
(sciacchenza=facciamo amicizia, stringiamoci la mano)
“nating”, a Bufalò (nating = niente)
vuol dir soltanto :no!

snob

Tresà, qua la sciamméreca
z’ aùsa p’ògne gghiuorne,
nen g’é bbrevògna o scuorne
pé chi ze la vò fa.
Pe’ chésse spìsse càpeta
ca scàgne pe’ nnutàre
ru prime sapunàre
che tròvez’a passà!

Tresà, qua il battichiappe (giacca)
si adopera ogni giorno,
non c’è vergogna o scorno
per chi se lo vuol far.
Per questo, spesso capita
che scambi per notaro
il primo saponaro
che trovisi a passar!

pizza

Ma chélla ch’è terribbéla,
Tresàngela, è la lénga!
Tu tié chéssa zerlénga
ma se mmenìsce qua,
o pòvera Tresàngela
che bbularrìsce fa?
Ru accìse, sa ched’è
ru càsce, sòre sé!

Ma quella ch’è terribile,
Tresàngela, è la lingua!
tu ce l’hai tanto lunga…
ma se venissi qua,
o povera Tresàngela
cosa vorresti far?
“l’accise” sai cos’è…
Il cacio, sòre sé

__________________________________________

[1] Maria Delli Quadri: Molisana di Agnone (IS), prof.ssa di Lettere, oggi in pensione. Ama la musica, la lettura e l’espressione scritta dei suoi sentimenti. In questa rubrica Maria volge lo sguardo sul mondo almosaviano e nascono pensieri e ricordi.

About Maria Delli Quadri

Maria Delli Quadri, Molisana di Agnone (IS), già Prof.ssa di Lettere oggi in pensione. Ama la musica, la lettura e l'espressione scritta dei suoi sentimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.